23 aprile 2018 Segnala una notizia
Brianza per il Cuore Onlus, riconfermato il Consiglio Direttivo per i prossimi 3 anni

Brianza per il Cuore Onlus, riconfermato il Consiglio Direttivo per i prossimi 3 anni

27 giugno 2017
Dopo tre anni di sostegno concreto al territorio, iniziative ed eventi per i cittadini, Brianza per il Cuore si riconferma il Consiglio Direttivo a partire dal presidente, Laura Colombo, che ha rappresentato la Onlus con grande entusiasmo negli scorsi tre anni.
Laura Colombo si conferma presidente dell’associazione, affiancata dal vice-presidente, Fabrizio Pignolo, dal segretario, Luigi Pintus e dal tesoriere Aurelio Casiraghi. A comporre il consiglio direttivo saranno ancora Felice Achilli, Davide Corsi, Orazio Ferro, Enrico Tremolada, Filiberto Vago e Andrea Valgussa, che hanno svolto al meglio i loro compiti nello scorso triennio, con il nuovo ingresso di Roberto Pancirolli. I revisori dei conti saranno, invece, Giulio Borghi, Marco Panzeri e Carlo Alberto Scotti.
Un team altamente specializzato che, insieme agli ‘istruttori salvacuore’, ai volontari ed ai sostenitori di Brianza per il Cuore, saprà portare avanti il lavoro virtuoso svolto in passato. “Auguro al Consiglio Direttivo un buon lavoro e ringrazio per l’importante contributo degli scorsi 3 anni”, ha commentato il presidente Laura Colombo.
Le nuove figure, che rimarranno in carica nel triennio 2017/2020, svolgeranno il loro primo compito domani, 28 giugno, con la consegna della nuova attrezzatura donata al Pronto Soccorso dell’Ospedale San Gerardo di Monza. Lo scorso aprile, la Onlus aveva donato insieme a Mitsubishi Electric un manichino utilizzato per le esercitazioni pratiche di rianimazione cardiopolmonare e arresto cardiaco e per le prove di defibrillazione. Questa volta la donazione riguarderà un sistema di monitoraggio per il Pronto Soccorso dell’Ospedale San Gerardo. Si tratta di una centrale per la gestione di otto posti letto che consentirà al Triage del Pronto Soccorso la visualizzazione centralizzata delle forme d’onda fisiologiche e dei parametri vitali dei pazienti in tempo reale oltre all’indicazione degli allarmi sui monitor collegati via Lan, attraverso cioè la rete di area locale.

“Siamo lieti di soddisfare con la nostra donazione, spiega Laura Colombo Vago, Presidente di Brianza per il Cuore, questa richiesta del Pronto Soccorso che si inquadra nell’ambito delle numerose azioni svolte per affrontare l’emergenza riducendo il ritardo evitabile”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Francesca Zonca
Francesca Zonca. Se dovessi riassumere le mie passioni in due parole direi sicuramente lingue straniere e cinema. Studio lingue da quando sono piccola, amo viaggiare ma soprattutto amo riuscire ad entrare in contatto con diverse culture. La comunicazione e l'informazione sono al primo posto per me.


Articoli più letti di oggi

Arcore, si ribaltano in rotonda con un’auto d’epoca: grave l’autista

Brutto incidente oggi alle 18 alla rotonda che collega viale Matteucci con la Sp 45: padre e figlio si sono ribaltati con una 500 azzurra.

Trovato con hashish, anabolizzanti e medicine: indagato un 44enne di Lissone

Si pensa che l'uomo utilizzasse i componenti trovati per la preparazione delle cosiddette "bombe" per atleti, body builder e culturisti: indagini in corso

Ai piedi del ciliegio secolare con il suv: adesso arrivano le guardie!

Solca i sentieri con la sua macchina, facendo lo slalom tra i ciclisti, per scattare la foto perfetta del ciliegio secolare. Confermata quindi la tesi di Corbetta: servono le guardie

Monza, da chiesa (sconsacrata) a locale notturno: ecco il recupero del Buon Pastore

Seconda tappa del tour delle aree dismesse organizzato dall'assessore all'Urbanistica, Martina Sassoli. L'area conta 30 mila metri quadrati di superficie buona parte dei quali destinati a verde pubblico

Giussano: “il Baffo” uccide madre e nonna, poi si taglia i polsi e lascia una lettera

Ultimamente il suo umore era peggiorato, pare che la madre si fosse confidata con qualche amica, ma non risulta fosse in cura per problemi psichici.