11 Agosto 2020 Segnala una notizia
Il rock impegnato di Edoardo Bennato conquista il pubblico di Campione d’Italia

Il rock impegnato di Edoardo Bennato conquista il pubblico di Campione d’Italia

29 Maggio 2017

Ironico e graffiante, per nulla accomodante o peggio rassicurante. Insomma un Edoardo Bennato in splendida forma, vale a dire “rock and roll” – come ha tenuto a precisare a inizio serata – quello che sabato sera è stato protagonista di un memorabile concerto nel Salone delle Feste del Casinò Campione d’Italia.

Casinò di Campione d'Italia concerto di Edoardo Bennato“Ammiro chi ha certezze monolitiche, ma io invito a dubitare” ha ricordato agli oltre quattrocento fans che lo hanno accompagnato nell’ex-clave italiana in terra elvetica, “un’isola che sta all’interno di un’isola che si chiama Svizzera e che a sua volta è nel cuore dell’Europa”. E allora “Pronti a salpare” com’è il titolo del suo nuovo tour e del suo nuovo disco, come sempre profondamente ispirato dalla realtà. “La frase pronti a salpare non è rivolta solo ai disperati che attraversano il Mediterraneo –  ha ricordato – tanto loro si mettono già in cammino senza aspettare il nostro invito, perché stanno fuggendo dai tiranni che li tengono soggiogati.  E’ rivolta a noi che viviamo nell’Occidente ricco del mondo. C’è una parte del pianeta in cui sembra che ci sono tutti gli uomini intelligenti e dall’altra gli stupidi. Questa sera facciamo musica rock, la musica leggera serve per evadere e invece il rock può servire a calarsi nella realtà, a dire anche le cose sgradevoli da sentire. Ho una bambina di dodici anni e sono preoccupato per il nostro futuro, penso che non si potrà prescindere da risolvere i problemi del Terzo Mondo, non sarà facile ma prima lo facciamo e meglio è”.

Casinò di Campione d'Italia concerto di Edoardo BennatoAd accompagnare “Pronti a salpare”, insieme ai riff di chitarra sono le immagini delle carrette del mare, i volti dei disperati che attraversano il Canale di Sicilia, nelle immagini proiettate sul palcoscenico al nono piano del Casinò, a pochi chilometri da dove i potenti della terra si sono dati appuntamenti per il G7. Inseparabile dalla sua chitarra e dall’armonica a bocca, a volte irriverente come in “Sono solo canzonette” o nel “Gatto e la volpe” oppure evocativa e sognante, come ne “La luna” e “Una settimana un giorno” che ha riservato per il finale, Edoardo Bennato sabato sera a Campione d’Italia ha regalato due ore di grande musica.  “Io vengo dal Sud dell’Italia e più precisamente da Bagnoli che si trova alla periferia di Napoli, sono nato e cresciuto al numero 55 di via Campi Flegrei. Quel numero nella smorfia è “à musica” per questo ho sempre pensato che la mia vocazione fosse scritta nel mio destino”.  Un destino che lo ha avvicinato alla musica quasi per caso, come ha ricordato Bennato introducendo un’altra bella canzone, “La calunnia”, che ha voluto dedicare a Enzo Tortora e Mia Martini. “In mia mamma si preoccupava e siccome partiva dall’idea che l’ozio è il padre di tutti i vizi non voleva che i suoi tre figli stessero con le mani in mano – ha ricordato – Mise in giro la voce che si cercava in maestro di lingue e invece si presentò un maestro di musica, era il destino. Con i miei fratelli mettemmo su un complesso e finimmo anche a un festival che era presentato da Enzo Tortora. Io ero solo un ragazzo e mi fece l’impressione di una persona davvero per bene, quando qualche anno venne arrestato con un’accusa infamante e finì in galera rimasi molto scosso. Una calunnia può rovinare la vita alle persone, come una maldicenza ha avvelenato quella di Mia Martini rovinandole la carriera”. E’ per loro e per chi ama sporcarsi con la vita, anche a costo di rimanerne segnato, che il “Capitan Uncino” anche ieri sera ha deciso di lasciare il suo graffio, anche a costo di finire “Rinnegato” o “In prigione”, che infondo  – come ha ricordato prima di salutare il pubblico di Campione – “In questa Italia è un’esperienza come tante”. Il “Grillo parlante” del rock italiano non ha perso l’abitudine di dire la verità.

Nelle foto di Carlo Pozzoni alcuni momenti della serata.

*Publiredazionale

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

ATS Brianza: quali regole valgono per il rientro dall’estero?

Per le persone di cui è consentito l’ingresso vi è l’obbligo di comunicare immediatamente al Dipartimento di Prevenzione il proprio ingresso in Italia.

Carate, il Covid miete la 29° vittima. Veggian: “L’emergenza non è terminata”

L’emergenza ad oggi non è terminata. Usa pochi giri di parole il sindaco di Carate Brianza, Luca Veggian, per comunicare ai suoi concittadini la morte per Covid del 29° caratese. 

Lombardia, zero decessi per il quarto giorno consecutivo. In Brianza 6 nuovi contagi

Nessun decesso per il quarto giorno consecutivo, aumentano 'Guariti e dimessi' (+101). A Lodi si registrano zero contagi. Un contagio a Cremona, Lecco, Pavia e Sondrio.

Arcore, il San Giuseppe chiude. Il Cda non riesce nell’impresa del salvataggio

Arriva l'epilogo per la vicenda dell'asilo san Giuseppe: il tentativo di accordo con una fondazione padovana è saltato. Ecco tutti dettagli.

Intervista al sindaco di Monza, Dario Allevi: “Credo nei monzesi e nella loro grande forza di volontà”

In prima linea durante l'emergenza Covid, il sindaco di Monza Dario Allevi ha raccontato alla nostra redazione le fasi più delicate vissute durante la pandemia.