23 aprile 2018 Segnala una notizia
Il muro ripulito del Nei di Monza dura solo poche ore

Il muro ripulito del Nei di Monza dura solo poche ore

3 aprile 2017

Pulizie di Primavera: quando il senso civico dura meno di 12 ore. Ebbene sì, oggi il centro sportivo Nei si risveglia con l’amaro in bocca. Ieri, si è tenuta la quinta edizione della manifestazione, promossa dal comune di Monza, che ha visto partecipare 4.500 volontari in oltre 100 cantieri sparsi per il capoluogo brianzolo.

Tra i tanti volenterosi anche il gruppo Fight the Writers, nato con l’intento di “proteggere” la città di Teodolinda dal fenomeno dell’imbrattamento. “Aiutare gli artisti, combattere i vandali”: questo il loro motto. E per mantener fede al loro slogan proprio ieri sono approdati al Parco Nei, in via Enrico da Monza. Uno dei luoghi più imbrattati della città.

I pastrocchi sono stati “sconfitti” da una bella mano di tintura grigia e con un murales d’autore. Peccato che tutto il lavoro, i materiali, la fatica, il sudore versato e gli sforzi per ridare nuovo volto, l’ennesimo, al muro del Nei oggi sono stati vanificati da qualche vandalo dalla bomboletta troppo facile.

Qui in basso il muro del nei prima delle pulizie di Primavera 

monza fight the writers pulizie di primavera al nei

L’area è stata più volte rimessa a nuovo dall’amministrazione con interventi di manutenzione straordinaria. I writers  si sa amano quell’area per lasciare i loro disegni e questa notte, dopo che hanno visto invaso il loro territorio, hanno agito.  Sul muro appena intonacato, c’è la scritta provocatoria: “Che bello tutto questo grigio!”

I 40 volontari insieme a 10 richiedenti asilo stanchi del muro ricoperto da scritte più o meno volgari, hanno vestito i panni dei “writers autorizzati” per combattere i vandali. La speranza che il loro gesto venisse rispettato, e che il murales potesse essere la sola forma grafica sul perimetro del centro sportivo Nei, è durata però davvero molto poco.

monza pulizie di primavera fight the writers 2

Delusione anche da parte di chi vive nella zona: “Abito dietro al centro NEI, sono stufo di vedere sporcizia e inciviltà. Ieri mattina ci sono state le Pulizie di Primavera, i muri della piscina sono stati riverniciati di grigio dai volontari per coprire le scritte dei falsi writer. Io ero lì come spettatore ed è stato un bel momento, si è creato un bel clima, con i volontari che condividevano focacce e brindisi con gli abitanti del quartiere. Tra l’altro c’è stata anche una bella performance live di un vero writer autorizzato. Ma stamattina il muro della piscina si presentava di nuovo pasticciato” ha spiegato Davide Cerruti.

centro nei monza 13 - mb

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Articoli più letti di oggi

Arcore, si ribaltano in rotonda con un’auto d’epoca: grave l’autista

Brutto incidente oggi alle 18 alla rotonda che collega viale Matteucci con la Sp 45: padre e figlio si sono ribaltati con una 500 azzurra.

Ai piedi del ciliegio secolare con il suv: adesso arrivano le guardie!

Solca i sentieri con la sua macchina, facendo lo slalom tra i ciclisti, per scattare la foto perfetta del ciliegio secolare. Confermata quindi la tesi di Corbetta: servono le guardie

Trovato con hashish, anabolizzanti e medicine: indagato un 44enne di Lissone

Si pensa che l'uomo utilizzasse i componenti trovati per la preparazione delle cosiddette "bombe" per atleti, body builder e culturisti: indagini in corso

Monza, da chiesa (sconsacrata) a locale notturno: ecco il recupero del Buon Pastore

Seconda tappa del tour delle aree dismesse organizzato dall'assessore all'Urbanistica, Martina Sassoli. L'area conta 30 mila metri quadrati di superficie buona parte dei quali destinati a verde pubblico

Giussano: “il Baffo” uccide madre e nonna, poi si taglia i polsi e lascia una lettera

Ultimamente il suo umore era peggiorato, pare che la madre si fosse confidata con qualche amica, ma non risulta fosse in cura per problemi psichici.