21 maggio 2018 Segnala una notizia
Nova, un collage di targhe per farla franca. Ritrovata un'auto rubata

Nova, un collage di targhe per farla franca. Ritrovata un’auto rubata

21 aprile 2017

La fantasia criminale dei furfanti non ha limiti. L’ultima “opera” di creatività truffaldina arriva da Nova Milanese, dove la Polizia Locale ha rinvenuto nei giorni scorsi un’auto rubata con una targa alquanto particolare: un vero e proprio collage di due targhe, saldate tra loro per formarne una terza.

L’auto, una Clio RS nera, era parcheggiata da qualche giorno in via Venezia. Fatto che ha insospettito i residenti della zona che, non avendo mai visto prima il veicolo, hanno segnalato l’accaduto agli uomini di via Villoresi.

Gli agenti sono quindi intervenuti, effettuando i controlli del caso. Ma la targa della vettura è risultata pulita e di proprietà di un signore residente in provincia di Bergamo. Qualcosa, però, non quadrava ancora. La targa era si esistente, ma corrispondente a un altro veicolo.

Ispezionando meglio l’auto dunque, qualcosa di anomalo è saltato finalmente agli occhi dei vigili urbani. Su entrambe le targhe della Clio era presente un quasi invisibile taglio. A quel punto i volti dei ghisa si sono illuminati perché avevano capito di essere di fronte a una targa contraffatta ad arte, ottenuta dalla giustapposizione di altre due targhe tagliate e saldate tra loro. In questo modo i delinquenti sarebbero sempre passati inosservati, perché sicuri che il numero di targa avrebbe sempre ricondotto la Polizia a qualche ignaro cittadino.

Dalla verifica del numero di telaio, l’auto è risultata rubata a Milano il 14 aprile e sarà riconsegnata al suo legittimo proprietario questo sabato, 22 aprile.

Nel frattempo, la Polizia Locale si è premurata di avvisare dell’accaduto il titolare del codice alfanumerico contraffatto, invitandolo a presentare querela contro ignoti. Gli uomini a bordo dell’auto rubata, infatti, potrebbero aver commesso qualsiasi reato e le responsabilità sarebbero ricadute tutte sull’incolpevole e ignaro signore bergamasco.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Matteo De Padova
Brianzolo dal 1992, anche se la carta di identità dice "nato a Milano". Mi sono Laureato in Comunicazione, media e pubblicità alla IULM di Milano e ho una passione viscerale per il giornalismo e per i motori. Innamorato della buona scrittura e della buona letteratura. Fedele all'etica del dubbio e conscio che la risposta fondamentale sulla vita, il mondo e tutto il resto è 42, vado alla ricerca della corrispettiva, sostanziale domanda.


Articoli più letti di oggi

Finanza maxi operazione: in carcere l’imprenditore Malaspina e l’ex magistrato Perillo

Scoperte dalla GDF fatture per operazioni inesistenti per un ammontare di circa 95 milioni di euro, con distrazioni patrimoniali per un valore di 234 milioni di euro.

Guardia di Finanza, tangenti e riciclaggio: 21 arrestati (anche un noto imprenditore)

Arrestato Giuseppe Malaspina accusato di aver emesso fatture per operazioni inesistenti per un ammontare di circa 95 milioni di euro.

Monza, 15enne accoltellata all’addome al Parco: non è in pericolo di vita

La vicenda si è consumata nel pomeriggio di domenica 20 maggio. Alcuni passanti hanno soccorso l'adolescente dando l'allarme. Indagini in corso

Monza, fermato il topo d’auto di via Mosè Bianchi

Inoltre il topo d'auto è stato denunciato per ricettazione, essendo stato trovato in possesso di una bici della Società  "Bike Sharing OFO" di Milano.

“Sistema Malaspina”, pronto a distruggere le prove con una ruspa

Un meccanismo intricato, fatto di fatture per operazioni inesistenti, scritture private, verbali, documentazioni e perizie, tutto finto e quasi fatto sparire