21 Settembre 2021 Segnala una notizia
Irregolare, pregiudicato ed espulso. Questa volta viene arrestato

Irregolare, pregiudicato ed espulso. Questa volta viene arrestato

5 Aprile 2017

Non voleva proprio saperne di non vivere in Italia, nonostante fosse stato espulso e nonostante gli fosse stato impedito già una volta di rientrare nel nostro Paese. Così un 49enne albanese è finito in manette, dopo essere stato rintracciato e bloccato dagli agenti del Commissariato di Polizia di Monza.

E’ la vicenda che vede protagonista un pregiudicato che per il nostro paese era stato ritenuto “persona non gradita” e destinatario di un provvedimento di espulsione, proprio in virtù della sua condotta penalmente rilevante, nel 2014. Solo pochi mesi dopo il quarantanovenne aveva provato a varcare la frontiera italiana e ritornare in Brianza, dove aveva e ha contatti e conoscenze, ma senza successo.
Non si è però rassegnato e, probabilmente, dopo qualche altro mese di attesa, aveva trovato il modo di tornare nel nostro paese, senza alcun permesso o documento al seguito. La sfortuna però gli ha giocato nuovamente un brutto tiro quando, durante un servizio di pattuglia, l’uomo si è imbattuto negli agenti della Polizia di Stato di Monza. Fermato a bordo di un’auto in via Borgazzi, mentre era in compagnia di tre connazionali regolarmente residenti in Italia, il 49enne è stato identificato ed arrestato per accesso illegale sul suolo italiano.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi