24 Luglio 2019 Segnala una notizia
Assemblea nazionale Fiab, la sicurezza dei ciclisti (anche a Monza) è un problema

Assemblea nazionale Fiab, la sicurezza dei ciclisti (anche a Monza) è un problema

29 Aprile 2017

Ridurre la differenza di velocità tra trasporto motorizzato ed utenza vulnerabile, cioè i pedoni e i ciclisti. Mettere in campo una serie di interventi integrati per rendere in Italia la mobilità sostenibile una delle modalità principali di spostamento. Sono le richieste cardine alle istituzioni pubbliche della Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta), che a Monza dal 28 aprile al 1° Maggio sta celebrando l’Assemblea Nazionale e ha portato nel capoluogo brianzolo i delegati delle 160 associazioni federate per quattro giorni di iniziative, attività formative, incontri e ciclo-escursioni (vedi il programma). Uno dei primi temi ad essere affrontati è “Il Codice della strada e la bicicletta”. “L’attuale normativa tratta la bicicletta in subordine rispetto alla motorizzazione privata e questo ha ripercussioni sulle singole norme – spiega Enrico Chiarini, membro dell’area tecnica della Fiab – bisogna dare più spazio alle due ruote e andare verso una mobilità di tipo europeo, basata sugli spostamenti a piedi, in bicicletta e con il trasporto pubblico”. Attualmente c’è una legge delega di Riforma del Codice della strada, da tempo in discussione in Parlamento.

La strada per l’approvazione della legge delega rischia di essere ancora lunga. “L’ostacolo principale è la copertura finanziaria di proposte come il casco obbligatorio in bicicletta, un’iniziativa che in altri Paesi ha avuto un rapporto costi/benefici sfavorevole – afferma Chiarini – dopo l’approvazione della legge delega sarà il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a definire i dettagli e i termini della materia”. Ecco perché, dato il complesso iter, il giudizio della Fiab sulla riforma del Codice della strada è positivo, ma non manca lo scetticismo. “Ci piacerebbe che le modifiche fossero approvate entro la fine della legislatura, quindi il 2018, ma su questo non siamo ottimisti – spiega Francesco Baroncini, direttore della Fiab – sicuramente c’è l’urgenza di aggiornare l’attuale normativa che parla ancora di velocipede e non di bicicletta. La sicurezza si fa con le piste ciclabili, la riduzione della velocità dei veicoli motorizzati secondo una logica opposta a quella attuale, cioè con 30 km/h come limite in città e zone in cui si può andare a 50 km/h – continua – sono le condizioni per aumentare il numero di ciclisti in strada, cosa che di per sé riduce i rischi”.

ciclabile-mb

La sicurezza dei ciclisti è un argomento di grande attualità in questi giorni. Nel 2015 l’Istat ha stimato che almeno 45 al giorno siano coinvolti in incidenti e i morti in sella a una bici sono stati 252, uno ogni 35 ore. La tragica morte del ciclista Michele Scarponi, travolto da un furgone mentre si allenava vicino casa sua nelle Marche, e quella quasi contemporanea di due ciclisti in Molise, ha riacceso i fari su una questione ancora irrisolta. Anche se l’onda emotiva degli ultimi eventi potrebbe non essere d’aiuto alla risoluzione del problema. “Le scelte migliori vanno fatte a bocce ferme, altrimenti si rischia lo stesso errore delle normativa anti-sismica, che viene rilanciata dopo ogni terremoto – afferma Chiarini – ci vogliono interventi integrati impostati secondo la logica del minor inquinamento, di una riduzione del consumo del territorio e dei costi energetici per la produzione dei materiali, ma anche di un recupero delle relazioni sociali”.

Fiab-assemblea-nazionale-monza-mb (Copia)
Qualcosa in più si potrebbe già fare con l’attuale normativa in vigore. Senza, quindi, aspettare la riforma del Codice della strada. “E’ già prevista la pianificazione della mobilità sostenibile con l’individuazione delle modalità di spostamento su tutte le strade – spiega il membro dell’area tecnica della Fiab – stabilire non in maniera improvvisata dove collocare una pista ciclabile o una zona a 30 km/h esiste nelle norme italiane, ma è un concetto disatteso a volte per ignoranza del tema, ma più spesso per la difficoltà degli amministratori pubblici e della politica a metterci la faccia, perché la prevenzione non paga nel breve termine e difficilmente dà frutti immediati in senso elettorale”.

buche-ciclabile-villoresi-mb

In questi giorni, tra le misure per aumentare la sicurezza dei ciclisti, si è parlato insistentemente dell’obbligo di sorpasso dei ciclisti ad 1,5 metri di distanza.  “Quella può essere la ciliegina, ma abbiamo bisogno di costruire la torta” afferma Baroncini. La situazione della mobilità sostenibile in Italia non è rosea, ma qualcosa sta migliorando. “Ci sono situazioni di eccellenza come Pavia e Reggio Emilia – spiega il direttore della Fiab – al Sud anche una realtà come Napoli sta facendo progressi”. E a Monza? Nel capoluogo brianzolo, tra tante ombre e qualche luce, i problemi non mancano. Come ci spiega Massimo Benetti, storico associato della FIAB Monza in Bici e consigliere in scadenza della Fiab nazionale.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

A fuoco appartamento sopra supermercato: paura a Seveso

Non risultano feriti o intossicati, solo tanto spavento a causa del fumo che si è propagato anche all'interno dell'esercizio commerciale

Monza, neopatentato causa tamponamento a catena in via della Giardina

Nessun ferito ma tanti i danni causati dall'incidente

Calci, pugni e rapine a mano armata: sgominata baby gang nel vimercatese

Quattro minorenni sono accusati di aver commesso almeno 12 rapine a danno di giovanissimi, picchiandoli e minacciandoli con un coltello. Avevano come base operativa Le Torri Bianche

Monza, insulti on line: il consigliere Lamperti mette a cuccia la leonessa da tastiera

L'esponente del Pd era stato aggredito per iscritto a causa di alcuni suoi post sul tema immigrazione.

Misinto Bierfest incoronata “Migliore festa della birra d’Italia”

Più di 60mila persone hanno partecipato alla festa.