Sport

Lissone Mtb: debutto con vittoria per Karin Tosato al GP d’Invern

Prima volta presso il parco Le Colombare nella città di Verona. Un percorso ad anello cross country olimpico di 4,7 chilometri caratterizzato dalla poca pianura e reso insidioso dalla pioggia.

Andrea Cenni

Sabato 4 marzo prova di apertura degli Internazionali d’Italia svoltisi per la prima volta presso il parco Le Colombare nella città di Verona. Percorso ad anello cross country olimpico di 4,7 chilometri caratterizzato dalla poca pianura e reso insidioso dalla pioggia copiosa. Nella categoria Under 23 Alessandro Di Santo ha chiuso la sua prestazione con il 75° posto assoluto.

Matilde CerielloDomenica 5, stessa località e tracciato per le categorie amatoriali che hanno lottato per il titolo del Grand Prix d’Inverno. Debutto e vittoria per la Master Woman 1 (19-39 anni) Karin Tosato, giunta esausta ma sorridente sul traguardo. Categoria Master 1 (30-34 anni) con il 7° posto di Alessandro Togni. Fascia Master 2 (35-39 anni) dove si è registrato il 10° posto di Fabio Montanari seguito da Emanuele Andreello (26°) e Roberto Arestilli (28°). Medaglia di legno (4°) per il valtellinese Stefano Lanzi nei Master 3 (40-44 anni).

Specialità cross country per i debuttanti Esordienti 1° anno (13 anni) al via del Grand Prix d’Inverno giovanile di Laigueglia (SV). Tracciato di 4,2 chilometri e anche qui nessun tratto pianeggiante. Strappi ripidi in salita e discese tecniche con due sezioni di pietraia (rock garden). Nella categoria maschile incoraggiante 20° posto di Andrea Cenni. Nella componente femminile 7° posto di Martina Recalcati e 10° di Matilde Ceriello dove però è giusto sottolineare che Matilde si è fermata per prestare soccorso all’amica Martina, caduta rovinosamente in discesa.

Orobie Cup con il “20° Trofeo Avis” di Ghisalba (BG) dove hanno gareggiato il Master 5 (50-54 anni) Alessandro Frigerio (19°) e il Master 6 (55-59 anni) Giovanni Nicolosi (25°).

Fonte: ASD Lissone MTB

In foto in apertura: Andrea Cenni, sopra Matilde Ceriello, sotto Martina Recalcati

Martina Recalcati

commenta