20 Settembre 2021 Segnala una notizia
Lissone. Concettina Monguzzi si ricandida: "Per continuare il cambiamento" #video

Lissone. Concettina Monguzzi si ricandida: “Per continuare il cambiamento” #video

29 Marzo 2017

In vista delle prossime Elezioni Comunali di Lissone conosciamo meglio i Candidati Sindaci, questa volta è il turno del Sindaco uscente Concettina Monguzzi che dopo questo primo mandato ha deciso di ricandidarsi per proseguire il lavoro fatto in questi cinque anni: “Mi ricandido appoggiata dalle forze politiche che sono state con me in questi 5 anni, perché credo che il cambiamento innescato debba continuare con ancora più energia e accelerazione. Le forze che mi sostengono sono civiche come il Listone e Lissone Bene Comune e poi il Pd, l’unico partito di questa coalizione. Mi candido perché Lissone ha bisogno di un cambiamento importante che noi abbiamo iniziato e vogliamo proseguire. Il cambiamento parte dalle persone, dobbiamo pensare ad una città fatta di persone che la vivono in modo inclusivo. In cinque anni abbiamo creato una città mettendo al centro proprio le persone e vogliamo continuare a farlo. Abbiamo tante idee, molto entusiasmo tanta passione e così sarà anche in futuro”.

Dopo i motivi che l’hanno spinta a ricandidarsi, il Sindaco ci ha spiegato i punti cruciali del suo programma: “Il nostro programma ha molti punti importanti, su tutti il lavoro, anche se il lavoro non è una competenza prettamente da Sindaci ma più che altro Nazionale, però in tempi di crisi come questi è importante che anche una singola città si interroghi e si dia da fare sulle politiche del lavoro e dell’innovazione. Altro punto importante saranno le politiche giovanili: la ricerca del lavoro, le Startup. Noi avremmo nel nostro programma grande spazio per questo. L’altro spazio forte sarà quello della mobilità, Lissone è una città caotica con molto traffico e noi vogliamo agire, abbiamo già messo ottime fondamenta ma ora dobbiamo continuare con la rete ciclabile, con la riqualificazione di spazi verdi e piazze. Su tutti la riqualificazione del centro poi, abbiamo già creato la Ztl e ora vorremmo proseguire con l’arredo urbano. E’ importante sistemare le aree verdi perché sono poche quelle rimaste e vanno salvaguardate, perchè hanno lo stesso valore delle piazze“.

C’è spazio poi anche per un bilancio delle cose belle fatte in questi cinque anni: “Abbiamo fatto molte cose positive, la più grande secondo me è stato il cambiamento del Pgt, del piano di governo del territorio, parole difficili, però vogliono dire che abbiamo eliminato tantissima edificazione e lo abbiamo fatto perché riteniamo il suolo una risorsa naturale importantissima, un bene comune che va salvaguardato. Noi con il Pgt lo abbiamo fatto ed è la cosa più grande e importante del nostro quinquennio. Abbiamo fatto anche un recupero sulle zone dismesse e sulla riqualificazione davvero minuziosa e ci siamo interessati dei più piccoli, sistemando tutte le scuole e riqualificandole.

Potevamo fare altre cose? Sicuramente, ma sapete abbiamo vissuto un periodo di crisi profonda con pochi trasferimenti statali e i soldi che sono mancati. Abbiamo cercato di spendere tutti i soldi entrati dalle casse statali e questo era un nostro obiettivo, non fare avanzo perché poi l’avanzo rimane vincolato e non si può più spendere. Abbiamo poi partecipato a numerosi bandi di fondazioni o regionali per recuperare fondi”.

Infine anche un po’ di autocritica, parlando delle cose negative o non finite fino in fondo: “Le cose che avremmo voluto fare e non abbiamo fatto sono in primis la partecipazione dei cittadini, abbiamo cercato di coinvolgerli nei progetti culturali e quelli concreti come il parco liberi tutti, però avrei voluto una partecipazione maggiore e questo sarà proprio un punto da migliorare con il nuovo programma. Altro punto da migliorare il contratto di quartiere, ci abbiamo lavorato moltissimo con Aler per abbattere la stecca lavorando dal punto di vista sociale, però manca ancora molto dopo cinque anni avrei voluto essere molto più avanti, ma anche questo sarà un’obbiettivo per i prossimi cinque anni”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Nicolò Calcagno
Nicolò Calcagno 27 anni, Alessandrino ma Brianzolo d’adozione. Liceo scientifico, studi umanistici. Amo la comunicazione e il giornalismo. Ho lavorato per Radio MilanInter, Radio Alex, Telelombardia, Official Made in Italy e Premium Sport. Attualmente collaboro con la redazione sportiva di Mediaset e racconto per MBNews tutto quello che succede a Desio e Lissone.


Articoli più letti di oggi