Cultura

Il Cammino DDiritto: a Monza una passatoia da calpestare per sconfiggere la violenza

In occasione della festa della donna un percorso in Piazza Trento con scarpe rosse, per simboleggiare il cammino per combattere la violenza, e bambole, in ricordo delle vittime.

stalking-mb

Domani 8 marzo, dalle 10.00 alle 13.00 in piazza Trento e Trieste a Monza, la prima tappa della presentazione dell’installazione artistica dell’Associazione La Scuola DDiritto. Un percorso guidato su cui verranno posate delle scarpe rosse, a simboleggiare il cammino per combattere la violenza, e delle bambole, in ricordo delle vittime.

Il percorso si snoderà verso uno dei due portali presenti all’interno della piazza, a significare il fatto che, della violenza, ci si può liberare. Cittadini e Rappresentanti delle Istituzioni potranno apporre una scarpa rossa o una bambola sulla passatoia per contribuire alla formazione del cammino stesso. L’iniziativa, che gode del patrocinio del Comune di Monza, sarà parte di un percorso itinerante che ha come intento di coinvolgere il maggior numero di città possibili, affinché la sensibilizzazione sul tema, possa essere capillare sul  territorio.

“Siamo fieri di poter portare la nostra installazione artistica nel cuore di Monza, ma ancora più felici di poterlo fare con il Comune, – spiega l’avv. Francesca Passerini, fondatrice de La Scuola DDiritto – che ringraziamo per la concessione del patrocinio. Il percorso che andremo a inscenare con la nostra installazione, sarà una via simbolica, che conduce fuori dal tunnel della violenza. L’unico modo per poterne uscire, è la prevenzione attraverso l’informazione, solo una persona conscia dei propri diritti sarà infatti in grado di arrivare sino all’uscita. Lo scopo dell’associazione La Scuola DDiritto è proprio quello di prevenire la violenza in tutte le sue forme.”

L’appuntamento, gratuito e aperto al pubblico, è per mercoledì 8 marzo dalle 10 alle 13 in piazza Trento e Trieste a Monza in occasione delle manifestazioni per la giornata internazionale della donna.

Per maggiori informazioni clicca qui.

commenta