27 Luglio 2021 Segnala una notizia
Vuoi una vacanza perfetta? Ci pensa la tua consulente di viaggi!

Vuoi una vacanza perfetta? Ci pensa la tua consulente di viaggi!

21 Febbraio 2017

Andrea chiude la porta della sua casa a Monza. E pensa: “Finalmente incomincia davvero l’estate, Barcellona arrivo!”. In macchina lo aspettano la moglie Carolina e i figli Sofia e Francesco, tutti eccitati all’idea di andare in vacanza in crociera. Anche Marco non vede l’ora di lasciare la sua abitazione di Monza e partire per la città spagnola, capoluogo della Catalogna. Insieme a lui la compagna Sara e i piccoli Chiara e Federico. Tutte e due le famiglie brianzole devono arrivare a Savona. Dove li aspetta la nave Costa Favolosa che li porterà, nel corso di quattro giorni intensi, a Barcellona e Marsiglia. Ma mentre Andrea, per arrivare in tempo al porto e sbrigare tutte le pratiche di imbarco, è dovuto partire da casa alle 4 del mattino, Marco ha lasciato la sua casa più comodamente alle 7 del mattino. Il motivo? Semplice. Andrea aveva prenotato on-line da sé biglietto e viaggio, pensando di risparmiare tempo e denaro. Marco, invece, si è affidato in anticipo ad crociera2 (Copia)una consulente di viaggio, Denise Galbusera (guarda il sito). Che lo ha seguito sin dall’inizio e gli ha consentito di avere un accesso facilitato al porto  di Savona e alla nave della crociera. Il tutto allo stesso prezzo pagato da Andrea. Decisamente un particolare non di poco conto!

Sia come sia, che la vacanza tanto desiderata abbia inizio. Le due famiglie brianzole hanno subito modo di conoscersi sulla Costa Favolosa. D’altro canto le rispettive cabine sono a poca distanza l’una dall’altra. In questo caso, però, pochi metri fanno una grande differenza. Soprattutto per Carolina, la moglie di Andrea. Il marito le aveva promesso una splendida vista mare direttamente dalla cabina. E, invece, basta un’occhiata dall’oblò per capire che, per vedere un po’ di blu del Mar Mediterraneo, dovrà sforzarsi molto. Ad occludere quasi totalmente la vista, infatti, c’è una scialuppa! Un problema che Sara non deve porsi. Il marito la promessa di una splendida vista non l’aveva nemmeno fatta. Ma, su suggerimento della sua consulente di viaggi, aveva visionato il piano nave e scelto l’ultima cabina della fila. Proprio quella senza scialuppa davanti.

Ma non è finita qui per Andrea e la sua famiglia. Le disavventure e gli imprevisti aumentano. E, in maniera esattamente proporzionale, cresce anche l’invidia per Marco e la sua famiglia. E, naturalmente, il nervosismo di Carolina. A Barcellona c’è la possibilità di fare uno splendido tour sulle orme di Antoni Gaudì, l’architetto della Sagrada Famiglia e del Parco Guell. I posti, però, sono limitati. Andrea allora di buon mattino si mette in coda per prenotare il tour. Dopo un’attesa di più di 3 ore, dalla gentile signorina all’info point gli viene detto: “Ma che sfortuna, gli ultimi posti sono stati prenotati dal signore prima di lei!”. Appena il tempo di trattenere a fatica una spontanea imprecazione che, davanti agli occhi di Andrea, si palesa Marco, in costume e telo mare sulle spalle. Con i biglietti per il tour di Gaudì in mano e la faccia assolutamente rilassata. D’altro canto i posti per sé e il resto della famiglia se li era assicurati prima di partire. Ancora una volta i consigli della sua consulente di viaggi erano stati decisivi (leggi crociera_marsiglia (Copia)l’articolo)!

A questo punto Andrea comincia a pensare di essere capitato in un film di Fantozzi. E nei panni del mitico ragioniere, magistralmente interpretato da Paolo Villaggio, prova un fastidio crescente. La prima giornata è stata a dir poco frustante. Però un’occhiata all’orologio gli fa capire che è ora di cena. Con Carolina e i figli, senza esitazioni, decide di andare al ristorante “Duca di Borgogna” al ponte 3, il migliore della Costa Favolosa. Del resto è una serata speciale! Carolina compie gli anni. Antipasto, due primi, un secondo, contorni vari. E bevande di prima qualità. Il clima in famiglia sembra rasserenarsi. Anche Carolina distende il viso corrucciato e mette da parte la delusione per il mancato tour di Gaudì. Arriva il momento del dolce. Una splendida torta chantilly personalizzata. Tutto bello, tranne un particolare. La torta è un po’ piccola. Andrea, allora, si affretta a chiedere gentilmente il bis. Ma, con sua grande sorpresa, il cameriere si rifiuta. La spiegazione diventa chiara pochi secondi dopo. Le luci in sala si spengono e un altro cameriere porta una torta gigante pochi tavoli lontano da quello di Andrea. Eh, sì, il dolce cadeaux è destinato proprio a Marco! Che, guarda gli scherzi del destino, festeggia il compleanno quello stesso giorno. Con la differenza che la sua consulente di viaggio gli aveva voluto fare l’omaggio di un dolce maldive3 (Copia)dalle dimensioni over size! Carolina si alza di scatto dal tavolo e scappa, furente, in cabina. E questa è la conclusione di una serata che doveva essere speciale.

Il tempo, comunque, passa. I quattro giorni della crociera portano i passeggeri della Costa Favolosa anche a Marsiglia, una delle più antiche città francesi e con un Porto Vecchio, modificato nel 2013, decisamente spettacolare. L’atmosfera nella famiglia di Andrea resta piuttosto tesa per tutto la durata della crociera. La vacanza è stata bella, ma, soprattutto per Carolina, rovinata da alcuni, fondamentali eventi. Discorso diverso per il concittadino Marco e la sua famiglia. Così, quando si approda al porto di Savona ed è ormai l’ora di risalire in macchina per tornare a Monza, Andrea trova il coraggio di fare una domanda a Marco: “Quale sarà il vostro prossimo viaggio?”. La risposta è precisa e sintetica: “Il prossimo gennaio andremo alle Maldive – afferma Marco – la nostra consulente di viaggio, Denise Galbusera, dopo aver preso in considerazione mete italiane ( ecco il sito dedicato), ci ha proposto una splendida offerta per un inverno al caldo dell’Oceano Indiano!”. Questa volta Andrea non si lascia sfuggire l’occasione. Si fa dare i contatti della consulente e anche di Marco. Di lì a qualche mese le due famiglie, che nel frattempo a Monza avevano stretto amicizia, condividono i dieci giorni di uno dei viaggi più belli della loro vita. Dalle spine, a volte, nascono splendide rose.

 

*redazionale

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi