Quantcast
San Gerardo, Cancro Primo Aiuto dona ecografo alla Breast unit di senologia - MBNews
Sociale

San Gerardo, Cancro Primo Aiuto dona ecografo alla Breast unit di senologia

L'apparecchio è ad alta risoluzione per le immagini e di grande maneggevolezza. Grazie a questa donazione attiviamo un ulteriore beneficio tecnologico. #video

cpa-ecografo-8-mb

Un nuovo ecografo portatile è stato donato all’ospedale San Gerardo di Monza da Cancro Primo Aiuto Onlus. La nota associazione ha come mission quella di fornire assistenza sociale e socio sanitaria a favore degli ammalati di cancro e delle loro famiglie.

Il nuovo apparecchio è stato consegnato questa mattina, 24 febbraio, dai vertici della Onlus al dottor Riccardo Giovanazzi, direttore della Breast Unit di Senologia della Asst di Monza.
Lo strumento, tecnologicamente avanzato, multidisciplinare, si caratterizza per l’alta risoluzione delle immagini e per la grande maneggevolezza.

cpa-ecografo-2-mb“È importante utilizzare metodiche sempre più sofisticate per individuare anche i tumori più piccoli mentre si opera, quelli che non si vedono e non si sentono al tatto – sottolinea Giovanazzi – oggi più dell’80% dei casi che giungono alla nostra osservazione. Grazie a questa donazione attiviamo un ulteriore beneficio tecnologico, Cancro Primo Aiuto ci aiuta e ci stimola e la chirurgia apre una strada “green”, attenta alla salute del paziente, con un minor carico di radiazioni rispetto a quelle normalmente utilizzate”.

Concesso in comodato d’uso, l’ecografo, è stato donato dalla Onlus grazie al contributo della Caloni Trasporti. “Con questa nuova apparecchiatura affianchiamo alle competenze professionali eccellenti del San Gerardo uno strumento all’avanguardia per dare così le migliore cure a chi soffre di malattie oncologiche” commenta Antonio Bartesaghi presidente di Cpa Onlus. Accanto a lui anche l’amministratore delegato Flavio Ferrario, sempre attivo nel coinvolgimento del tessuto imprenditoriale.

 


La Breast unit del nosocomio monzese conta 30 specialisti che seguono tutto il percorso diagnostico terapeutico del tumore alla mammella. Nel 2016 sono stati eseguiti 540 interventi chirurgici, oltre un centinaio dedicati alla chirurgia ricostruttiva, sono state poi eseguite 500 biopsie con sistemi eco guidati e 100 con il sistema mammotome, l’apparecchio per la diagnosi sempre più precoce e mini-invasiva che permette biopsie multiple.

Presente alla cerimonia di consegna anche l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera e il vicepresidente Fabrizio Sala che ha così commentato: “Questa è l’eccellenza della Lombardia e della Brianza: il fatto che il mondo economico collabora e fa solidarietà a favore di un settore, quello della sanità, che è cruciale. Il welfare è in difficoltà a causa dei tagli decisi dal governo nazionale, ma nella nostra regione viene sostenuto dal grande cuore degli imprenditori. I nostri complimenti vanno a chi sa stimolare questa solidarietà come in questo caso Cancro Primo Aiuto”.

Fra l’altro Cancro Primo Aiuto da mesi sta promuovendo anche tre campagne di raccolta fondi per l’acquisto e l’aggiornamento di altrettanti acceleratori lineari: uno per l’Ospedale Niguarda di Milano, uno per l’Ospedale San Gerardo di Monza e l’ultimo per l’Ospedale Papa Giovanni XIII di Bergamo.

Alla presentazione erano presenti anche il sindaco di Monza, Roberto Scanagatti e il direttore Generale della Asst di Monza, Matteo Stocco.

commenta