22 maggio 2018 Segnala una notizia
Protesta, Associazione Taccona: davanti alla Provincia e ai sindaci

Protesta, Associazione Taccona: davanti alla Provincia e ai sindaci

17 febbraio 2017

Ancora una volta l’Associazione Taccona fa sentire la sua voce sulla questione dei tagli al trasporto pubblico. E lo fa tornando a manifestare il proprio dissenso di fronte alla sede monzese della Provincia. Come l’hanno ribattezzata i consociati, una “Coffee break” in via Grigna: chiara provocazione che riprende l’affaraccio di ‘ndrangheta e appalti della ristorazione bar, che nei giorni scorsi ha colpito proprio la sede del consiglio provinciale (qui il nostro articolo).

L’occasione è di quelle propizie per attirare l’attenzione: ieri, giovedì 16 febbraio, è infatti andata in scena l’assemblea dei 55 sindaci brianzoli, e il direttivo e i consociati tacconesi non hanno esitato a far sentire la propria voce, cercando il confronto diretto con i rappresentanti delle istituzioni.

Confronto a cui non si sono tirate indietro le sindache di Muggiò e Nova Milanese, rispettivamente Maria Fiorito e Rosaria Longoni, e Gigi Ponti, presidente della Provincia, il quale ha avuto con il gruppo di Taccona un breve dialogo chiarificatore.

Appena prima di entrare nel polo istituzionale, proprio le sindache delle due città maggiormente colpite dai tagli hanno voluto informare i manifestanti della loro imminente presentazione all’assemblea di una mozione a favore del ritiro del decreto presidenziale che stabilisce la soppressione delle linee z225 e z227.

Ma ai tacconesi non basta e accolgono con disincanto anche la notizia che in mattinata ha aperto uno spiraglio alla risoluzione della vicenda: l’impegno di Regione Lombardia affinché reperisca le risorse necessarie al salvataggio degli autobus.

Fin quando non ci sarà un atto formale, ufficiale, scritto nero su bianco, che annulli il decreto presidenziale del 29 dicembre non abbasseremo la guardia – ha tenuto a dichiarare Luca Padrin, presidente dell’Associazione Taccona -. I cittadini sono stufi di questa continua atmosfera di incertezza e dei continui proclami, via Facebook o via stampa, da parte della classe politica. Vogliamo che le istituzioni comunichino al cittadino le loro decisioni attraverso gli strumenti ufficiali, ossia attraverso gli atti amministrativi”.

Insomma, fino a quel momento, l’Associazione Taccona non mollerà la presa e continuerà a gridare a squarciagola “Giù le mani dagli autobus”.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Matteo De Padova
Brianzolo dal 1992, anche se la carta di identità dice "nato a Milano". Mi sono Laureato in Comunicazione, media e pubblicità alla IULM di Milano e ho una passione viscerale per il giornalismo e per i motori. Innamorato della buona scrittura e della buona letteratura. Fedele all'etica del dubbio e conscio che la risposta fondamentale sulla vita, il mondo e tutto il resto è 42, vado alla ricerca della corrispettiva, sostanziale domanda.


Articoli più letti di oggi

Stazione di Monza, sos sicurezza: la notte chiude il sottopasso

Nuovo provvedimento anti degrado nella stazione di Monza. La notte chiude il sottopasso, recentemente teatro di aggressioni.

Varedo, domenica la seconda Fiera del Disco con ben trenta espositori

Sarà possibile scambiare dischi e CD che non si ascoltano più con quelli che più interessano.

Caso Bramini, il monito dei magistrati: “Eccessiva pressione mediatica”

Secondo i magistrati la "campagna mediatica" sarebbe stata "diretta a condizionare l’attività dei giudici della terza sezione civile del Tribunale di Monza".

Monza, in piazza Trento e Trieste arriva il Festival delle Due Sicilie

Tre giorni con street food, artigianato e prodotti tipici del sud, abbinati a spettacoli della Terra più bella del Mondo.

Monza, fermato il topo d’auto di via Mosè Bianchi

Inoltre il topo d'auto è stato denunciato per ricettazione, essendo stato trovato in possesso di una bici della Società  "Bike Sharing OFO" di Milano.