26 Aprile 2019 Segnala una notizia
"Il sole tra le mani", romanzo metafora sulla solitudine dell'uomo

“Il sole tra le mani”, romanzo metafora sulla solitudine dell’uomo

24 Febbraio 2017

Incapace di definire una propria identità e riepire un vuoto interiore che lo condanna alla solitudine, schiacciato dalla civiltà dell’immagine. E’ questo il cuore del nuovo romanzo di Roberto Ritondale, giornalista Ansa e autore che domani presenterà a Seregno, presso “Area Libri” (ore 17), la sua ultima produzione letteraria dal titolo “Il sole tra le mani”, Leone Editore. Un romanzo metafora sull’uomo contemporaneo che, secondo l’autore, solo aprendosi agli altri può uscire dalla sua condizione di isolamento.

L’epigrafe del suo romanzo riporta una frase dello scrittore portoghese Fernando Pessoa, di cui l’opera incarna l’inquietudine e lo smarrimento esistenziale. Il romanzo narra la vicenda di Aldo Montesi, che si svolge a cavallo tra il 2004 e il 2005, emigrato da Milano a Napoli. Montesi, incapace di provare emozioni, ha alle spalle una vita emozionalmente complessa. Cresciuto senza aver mai avuto accando il padre, scomparso in circostanze misteriose, divenuto orfano di madre morta in un incidente aereo nel pieno della sua adolescenza, il protagonista di “Il sole tra le mani” ha sviluppato una cronica incapacita ad instaurare relazioni stabili, anaffettivo e incapace di reagire alla sua vita apatica. “La solitudine – riflette il protagonista del romanzo – è il fossato che ognuno scava intorno a sé per difendersi dall’assedio del dolore”.

Poi la sua vita subisce una svolta inaspettata, a causa di due eventi che gli impongono necessariamente una reazione. Lo zio che lo ha cresciuto sebbene in una dinamica relazionale complessa, ha rapporti con un gruppi criminale di cui Montesi diventa obbiettivo di atti indimidatori. Poi, un surreale dialogo con un dipendente del cimintero, che vuole a tutti i costi convincerlo ad acquistare un “loculo matrimoniale e vista mare”. Così il protagonista inizia a far pace con il suo passato, ripercorrendo a ritroso la sua vita, attraverso dolorosi passaggi che lo metteranno di fronte a scomode e difficili verità, fino al suo ritrovarsi e, al contempo, finalmente ritrovare la luce. Finalmente “guarito” dalla sua personale eclissi, Montesi si apre infine al prossimo. “Il sole tra le mani” è quindi un viaggio introspettivo fatto di ironia noir, un romanzo di formazione “per distruggersi e poter rinascere alla scoperta della gioia di vivere”. I personaggi e la stessa struttura del romanzo sono iconici e simbolici, a cominciare dal cognome dello zio del protagonista, Cimarea, anagramma di un’America che pensa di imporre la democrazia esportando armi. Per rafforzare la metafora della solitudine infine, l’autore ha scelto isole come lughi di nascita dei protagoisti. Roberto Ritondale torna quindi in libreria dopo il successo di “Sotto un cielo di carta” (Leone Editore, 2015) che ha raccolto ben sette premi un po’ in tutta Italia. Ama definirsi “scrittore ambulante” perché presenta i suoi libri nei luoghi più disparati: bar, scuole, centri per anziani, sartorie, spiagge e persino case private. “Presentazioni a domicilio – come si legge sul suo sito – in cambio di un buon caffè”. Convinto che la cultura debba uscire dai luoghi convenzionali per incontrare più persone possibili.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi

Monza e Brianza: ecco le iniziative in programma dal 25 aprile al 1° maggio

Street food, sagre, mostre, eventi sportivi... ecco la nostra selezione di eventi per voi!

Monza, torna al Parco lo “Street Fud Festival” tra gusto e divertimento

Appuntamento dal 24 aprile al 1 maggio lungo viale Mirabello con il migliore cibo di strada su ruote.

Monza, ancora deserta per la gara per la festa di San Giovanni

L'amministrazione sta riflettendo se pubblicare nuovamente la gara per il santo patrono e nel frattempo ha assicurato che i fuochi si faranno come da tradizione.

Fermi nel parcheggio di Acqua&Sapone con un mitra rubato in macchina

Due uomini di 44 e 49 anni sono finiti nei guai per porto illegale e detenzione di arma da guerra.

Festa della Liberazione: ecco il programma monzese del 74° anniversario

Diverse le iniziative in programma per giovedì 25 aprile, il giorno in cui l’Italia ricorda la liberazione dal nazifascismo.