21 maggio 2018 Segnala una notizia
Consorzio Parco, i M5S contro la nomina del nuovo direttore

Consorzio Parco, i M5S contro la nomina del nuovo direttore

17 febbraio 2017

I dubbi dei Cinque stelle sulla procedura di selezione del nuovo direttore del Consorzio di Gestione di Parco e Villa Reale. A pochi giorni di distanza dall’ufficialità della nomina di Pietro Addis, Gian Marco Corbetta, consigliere regionale del Movimento, ha sollevato diverse perplessità sulla procedura seguita dal Pirellone per individuare il nome che avrebbe sostituto Lorenzo Lamperti alla guida dl Consorzio. In altre parole, secondo Corbetta, la selezione avrebbe lasciato nelle mani del presidente, Roberto Maroni, troppa discrezionalità.

pietro addis web“La commissione tecnica non ha attribuito punteggi e non ha stilato una graduatoria dei canditati in modo da selezionare il miglior profilo – ha spiegato Corbetta -, ma ha prodotto una griglia con parametri e con valori espressi in lettere, lasciando così al governatore la facoltà di scegliere, facoltà a nostro giudizio non prevista dalle norme sul pubblico impiego, che prevedono che la scelta passi da una selezione pubblica volta ad individuare il migliore candidato in modo trasparente e oggettivo”.
Insomma, secondo Corbetta la nomina di Addis è irregolare e l’intenzione del consigliere regionale è di portare il caso davanti alla Corte dei Conti. “Anche da un’analisi superficiale della griglia redatta dalla commissione tecnica, è evidente che il dottor Addis non risulta essere il migliore tra i candidati – ha concluso Corbetta -. Ben quattro candidati hanno un punteggio superiore a quello di Addis, uno ha lo stesso punteggio e solo due hanno un punteggio inferiore”.

La nomina di Addis, nel frattempo, sta facendo discutere anche il mondo della sinistra monzese. Su alcune bacheche Facebook sono apparsi commenti ironici e pungenti. Sotto la lente il look del nuovo direttore, considerato forse un po’ troppo eccentrico, ma al di là del suo stile nel vestire, è stata valutata negativamente anche la sua nomina, definita “il prezzo da pagare a Formigoni per i soldi che Regione Lombardia ha riversato su Parco e Villa Reale”

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi

Finanza maxi operazione: in carcere l’imprenditore Malaspina e l’ex magistrato Perillo

Scoperte dalla GDF fatture per operazioni inesistenti per un ammontare di circa 95 milioni di euro, con distrazioni patrimoniali per un valore di 234 milioni di euro.

Guardia di Finanza, tangenti e riciclaggio: 21 arrestati (anche un noto imprenditore)

Arrestato Giuseppe Malaspina accusato di aver emesso fatture per operazioni inesistenti per un ammontare di circa 95 milioni di euro.

Monza, 15enne accoltellata all’addome al Parco: non è in pericolo di vita

La vicenda si è consumata nel pomeriggio di domenica 20 maggio. Alcuni passanti hanno soccorso l'adolescente dando l'allarme. Indagini in corso

Monza, fermato il topo d’auto di via Mosè Bianchi

Inoltre il topo d'auto è stato denunciato per ricettazione, essendo stato trovato in possesso di una bici della Società  "Bike Sharing OFO" di Milano.

“Sistema Malaspina”, pronto a distruggere le prove con una ruspa

Un meccanismo intricato, fatto di fatture per operazioni inesistenti, scritture private, verbali, documentazioni e perizie, tutto finto e quasi fatto sparire