19 Marzo 2019 Segnala una notizia
Brianza per il Cuore, parola all'esperto: come prevenire il rischio cardiovascolare?

Brianza per il Cuore, parola all’esperto: come prevenire il rischio cardiovascolare?

23 Febbraio 2017

È proprio vero che prevenire è meglio che curare. Ecco perché la onlus monzese Brianza per il Cuore, che da anni si occupa di prevenzione del rischio cardiovascolare, ha deciso di diffondere il tema con una serie di articoli del dottor Luciano Licciardello, medico farmacologo clinico e membro del comitato scientifico dell’associazione.

Gli articoli affronteranno alcune tematiche fondamentali come la prevenzione nelle donne, l’esercizio fisico, la cessazione del fumo e l’adeguato approccio dietetico con particolare riferimento alla nostra dieta mediterranea.

luciano-licciardello-brianzaperilcuore“Nel maggio 2016 sono state pubblicate le nuove Lineeguida Europee che aggiornano e confermano le strategie della prevenzione delle malattie cardiovascolari (PCV) – ha spiegato il dott. Licciardello – Questa nuova edizione ha focalizzato l’attenzione su alcune problematiche non ancora risolte e tuttora in discussione da parte degli Esperti e ha inserito nuove proposte per ottimizzare gli obiettivi della prevenzione cardiovascolare”, proprio queste le tematiche che saranno approfondite.

Ma cos’è la PCV? La PCV è stata definita come “l’insieme delle azioni coordinate, attuate sia sulla popolazione sia sul singolo individuo, mirate a eliminare o minimizzare gli effetti delle malattie cardiovascolari e le loro conseguenti inabilità”.

“Rispetto alla precedente edizione, le nuove lineeguida hanno riclassificato i pazienti ad alto e ad altissimo rischio cardiovascolare, in particolare i pazienti con diabete mellito associato con gravi danni renali o con un fattore di rischio importante come il fumo oppure un’ipercolesterolemia o un’elevata pressione arteriosa. Queste considerazioni comportano che nella selezione dei pazienti si deve considerare anche la storia familiare rilevando malattie e/o gravi eventi che si sono manifestati in parenti consanguinei quali, per esempio, morti premature o elevati livelli di colesterolo (iperlipidemie familiari)”, ha continuato il dott. Licciardello.

Per essere sempre aggiornati sulle numerose attività di Brianza per il Cuore, potete consultare la rubrica dedicata su MBNews (clicca qui). Un nuovo articolo sull’argomento la prossima settimana.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Francesca Zonca
Francesca Zonca. Se dovessi riassumere le mie passioni in due parole direi sicuramente lingue straniere e cinema. Studio lingue da quando sono piccola, amo viaggiare ma soprattutto amo riuscire ad entrare in contatto con diverse culture. La comunicazione e l'informazione sono al primo posto per me.


Articoli più letti di oggi

Polizia di Stato, Angelo Re promosso: “Monza e l’azione mi mancheranno”

Sempre in prima linea, in strada con i suoi uomini, “per dare il buon esempio”. Intervista al dottor Angelo Re, promosso al grado di Dirigente Superiore

Busnago, cucciolo attaccato e dilaniato da un cane libero nel pratone

Cucciolo di yorkshire sbranato da un labrador liberatosi dalla presa del guinzaglio in un prato a Busnago: la rabbia del padrone.

Pordenone-Monza 1-1: D’Errico recupera il risultato ma poi spreca

I biancorossi, sotto 1-0, chiudono il primo tempo in parità grazie alla rete di D'Errico. Nel secondo tempo il capitano spreca il rigore del possibile 1-2.

Bancarelle di Monza e Brianza: a Lissone domenica 31 marzo

Appuntamento in via Santuario e in via Luini con orario continuato dalle ore 9,00 alle ore 19,00.

San Gerardo: nuovi percorsi di presa in carico per epatite C e tumori gastro-enterici

Nuovi interessanti prospettive si aprono per i pazienti affetti da epatite C e forme neoplastiche gastro enteriche: due modelli di presa in carico che vedono la collaborazione stretta tra medico ospedaliero e medico di famiglia.