Trasporto pubblico, tagli congelati fino alla fine di febbraio

Trasporto pubblico, tagli congelati fino alla fine di febbraio

Tagli ai trasporti pubblici congelati per un mese. Dopo un fine settimane di proteste e polemiche, l’incontri svoltosi lunedì pomeriggio fra il presidente della Provincia, Gigi Ponti, e l’agenzia dei trasporti che gestisce le linee si è  concluso con la decisione di sospendere l’annunciata riduzione delle linee.

Il rischio, comunque, non è scongiurato. Le linee sulle quali dovrebbe abbattersi la scure la z225 e la z227 che collegano la Brianza e Milano e che trasportano circa otto mila persona al giorno fra lavoratori e studenti. “Abbiamo dato mandato all’Agenzia di chiedere un confronto urgente con il Presidente della Regione – ha spiegato il presidente -, in modo da poter assumere decisioni definitive entro la metà di febbraio e varare insieme un piano di ottimizzazione omogeneo sia per Monza, sia per Milano”.

La speranza di Ponti è che nei prossimo giorni Regione Lombardia e Governo si muovano per trovare i soldi necessari a evitare il peggio. All’appello manca un milione e 800 mila euro. Nel frattempo, però la protesta dei cinque sindaci coinvolti nei tagli (Lissone, Nova Milanese, Desio, Muggiò, Cinisello e Sesto San Giovanni). In particolare, i primi cittadini chiedono di poter prendere visione dei costi di gestione delle due linee destinate a essere tagliate: se è vero che quotidianamente trasportano così tante persone, dovrebbero potersi giustificare da sole, senza bisogno di aiuti economici.

Qui di seguito i video realizzati da Matteo De Padova sulla protesta di ieri davanti in provincia:

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.

Su Riccardo Rosa

Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.