29 Febbraio 2020 Segnala una notizia
A Vimercate il falò di sant'Antonio incanta grandi e piccini

A Vimercate il falò di sant’Antonio incanta grandi e piccini

18 Gennaio 2017

Il ponte di san Rocco ieri sera, 17 gennaio, brillava più che mai. A illuminarlo, oltre ai sorrisi incantati di bambini e adulti, il tradizionale falò di sant’Antonio. In numerosi sono accorsi, nonostante il freddo e l’umidità, per assistere a questo appuntamento con la tradizione.

Nella suggestiva cornice del ponte romano, simbolo di Vimercate, sul greto del fiume, è stata allestita la pira. La prima fiamma è stata posta, a rispetto della tradizione, dal primo cittadino Francesco Sartini.
 

 

Ad arricchire però di magia la scena, la banda di Vimercate e alcuni cittadini hanno sfilato attraversando tutto il centro storico, nei tradizionali costumi medievali. 

La folla di vimercatesi e di curiosi di altre cittadine vicine è giunta, seguendo la processione al ponte aggiungendosi a chi già dalle 8.30 aveva cercato di accaparrarsi i posti migliori per godersi lo spettacolo. Per riscaldarsi chiacchiere con amici che non si vedevano da tempo, tortelli, frittelle e vin brulè distribuito dagli Amici del Sidamo.

Sotto l’occhio attento dei vigili del fuoco e della protezione civile, una pioggia di fuochi d’artificio ha aperto lo spettacolo, anticipando solo di qualche istante le fiamme del falò scoppiettare, che si sono innalzate in cielo in tutta la loro magnificenza.

s.antonio_falò_mbLa tradizione vuole che il fuoco venga acceso nel giorno del Santo, per accogliere e invocare l’inizio della stagione dei raccolti. Dal 17 gennaio si dice anche che le giornate arrivino ad allungarsi di un’ora rispetto al solstizio d’inverno tanto che un antico proverbio popolare recita “a sant’Antonio un’ora è buona”. E se qualche nonno affianca all’accensione del famoso falò anche il tentativo di scongiurare di essere colpiti dal “fuoco di sant’Antonio” altrettanto celebre, per i più piccoli lo spettacolo è puro stupore.

Con il fiato sospeso sono rimasti tutti, grandi e bambini, fino a che anche l’ultimo soffio di fuoco non si è addormentato sul Molgora, aspettando il prossimo anno.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Francesca Fornaciari
Intrappolatrice di storie, scrivo racconti e scatto fotografie, con quella che mi piace definire mente analogica. Sono perdutamente innamorata degli aeroporti, ma per viaggiare preferisco i treni. Laureata in filologia italiana, impegnata nel volontariato da sempre, amo i libri, il cinema e l'arte contemporanea.


Articoli più letti di oggi

Riapertura delle scuole: la Lombardia decide nel weekend

Per sapere se lunedì 2 marzo sarà possibile tornare a scuola bisognerà attende il fine settimana. Le dichiarazioni del presidente Fontana e del vice Sala.

Coronavirus, la Lombardia chiede ancora scuole chiuse e misure restrittive al Governo

Le misure che la Lombardia vuole ancora mettere in atto mirano al contenimento dell'epidemia.

Monza e Brianza, ripartono le attività sportive: ecco come cambia l’ordinanza

Nella provincia di Monza e Brianza, come nel resto della zona "gialla" della Lombardia, si potranno svolgere attività ludiche e sportive purché si evitino gli spogliatoi.

La storia della mummia del Duomo di Monza

Nel XV secolo Milano era in preda a una guerra dinastica per la successione del ducato. Monza invece, riuscì a guadagnarsi una propria autonomia, grazie anche ad un uomo che divenne leggenda, nel modo più macabro immaginabile.

Coronavirus, le buone notizie dalla Brianza: la dipendente di Agrate ricoverata, torna a casa

Coronavirus, buone notizie dalla Brianza: è tornata a casa la donna positiva al test, che lavora ad Agrate ed è risultato negativo il presunto contagiato, ricoverato in isolamento all'ospedale di Carate.