24 Febbraio 2020 Segnala una notizia
Regalare il pasto a chi ha bisogno: al progetto 10 ristoranti hanno detto sì

Regalare il pasto a chi ha bisogno: al progetto 10 ristoranti hanno detto sì

2 Dicembre 2016

“Il gusto di donare un buono pasto”, è questo lo slogan del progetto “Pasto Sospeso”, l’iniziativa di solidarietà coordinata dal Rotary Club Monza Villa Reale per sostenere chi eroga pasti gratuiti alle persone in stato di necessità.

Lo scopo è quello di aiutare le strutture che già operano nel territorio per l’erogazione di pasti in modo che possano affrontare l’attuale e futuro incremento di situazioni di povertà. L’idea è che si possa offrire un “Pasto Sospeso” attraverso una piccola donazione che viene effettuata negli esercizi di ristorazione che aderiscono all’iniziativa.

Il bel gesto effettuato dai clienti, del valore di un pasto completo (5 euro), verrà totalmente trasferita all’associazione monzese San Vincenzo de Paoli, che sostiene famiglie e persone in difficoltà. Ad essa si potranno aggiungere in futuro, quando i volumi delle donazioni saranno significative, altre organizzazioni di assistenza. Il benefattore potrà verificare, sul sito web dell’iniziativa sia le donazioni raccolte nei singoli ristoranti sia il numero di pasti erogati.

“I fondi- precisa Rosalba Velli Saletti, presidente del Rotary Club Monza Villa Reale – verranno trasferite alla San Vincenzo per mezzo di un servizio di volontari del RotarAct che ogni settimana si recheranno personalmente nei locali aderenti per consegnarle al responsabile”.

Oggi, venerdì 2 dicembre la consegna del primo kit a Osvaldo Baione, di Le cucine di Villa Reale: “Il pacchetto fornito agli esercizi commerciali – spiega Fabio Massimo Marchetti, referente del progetto Pasto Sospeso – conterrà una vetrofania per segnalare ai clienti l’adesione del ristorante al progetto, una locandina informativa, dei blocchetti di ricevute numerate per la certificazione dei contributi, dei segnalibro che possono essere utilizzati per essere allegati al conto del tavolo in modo da ricordare che nel locale può essere donato un pasto, e delle spille che possono essere indossate dal personale di servizio”.

Dieci gli esercizi di ristorazione che finora hanno aderito con entusiasmo al progetto. Ai ristoranti monzesi Le cucine della Villa Reale, Certo, Osteria La Lira, Il Guscio, Kilometrobio, La Bettola di Fruttolo si uniscono Anima di Muggiò, Osteria Pizzeria Capri di Villasanta, I sapori dei Tort di Desio e Uno più di Milano.

Gli esercizi interessati ad avere informazioni per aderire possono inviare una mail all’indirizzo: ioaderisco@pastosospesomonzabrianza.it

www.pastosospesomonzabrianza.it
Facebook: @PastoSospesoMonzaBrianza
Twitter: @PastoSospesoMB

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lucilla Sala
Lucilla Sala, sportiva, giornalista e fotografa per passione. Sono cresciuta in palestra praticando ginnastica artistica e ne ho fatto una professione. Dal 2009 collaboro con il quotidiano online MB News per la rubrica sport, cultura ed eventi. Sono creativa, spontanea e amo perdermi nei romanzi che non finiscono mai. Mi piacciono le belle foto e ho una passione smisurata per i viaggi! Segnalatemi gli eventi di Monza e Brianza a lucilla.sala@yahoo.it


Articoli più letti di oggi

Coronavirus: ecco tutte le misure attivate a Monza

Allevi:“Niente panico ma attenzione massima”. Chiusi al pubblico anche i musei, gli spazi espositivi, la Villa Reale, le biblioteche cittadine, cinema, teatri e gli altri luoghi della cultura.

Monza, ospedale San Gerardo: ecco le disposizioni per l’emergenza Coronavirus

Il San Gerardo di Monza fa fronte all'emergenza Coronavirus. Data l'evoluzione di queste ore il nosocomio cittadino ha disposto con decorrenza immediata alcuni importanti provvedimenti. 

Coronavirus. Regione Lombardia: “112 casi, 2 morti. Scuole, cinema e pub chiusi”

Nei prossimi 7-15 giorni limitare la socialità. Gallera: "Abbiamo disposto la chiusura dalle ore 18 dei luoghi commerciali di intrattenimento o svago, non i ristoranti, quindi pub e discoteche".

Coronavirus, controlli nella famiglia del 78enne di Sesto. I nipoti vivono a Lissone

Tutti i familiari del paziente sono dunque sottoposti alla procedure per verificare la loro condizioni di salute.

Coronavirus: positivo un paziente di Crema, ricoverato al San Gerardo

L'uomo giunge da Crema dove era stato ricoverato per crisi respiratoria e dove test era negativo.