17 agosto 2018 Segnala una notizia
Difficile da definire ma facile da riconoscere. Ecco il Mobile d'Arte firmato Riva

Difficile da definire ma facile da riconoscere. Ecco il Mobile d’Arte firmato Riva

20 dicembre 2016

Il mobile d’arte, un pezzo unico, pregiato ed originale. Riconoscibile, ma non riconducibile ad un preciso stile artistico. Questo l’elemento di forza della Riva Mobili d’Arte, una nota azienda di Meda che ha fatto la sua fortuna portando all’estero il made in Italy.

A tenere le redini è Francesco Riva, fondatore ed estroso disegnatore di bozzetti dai quali nascono i suoi capolavori: i mobili. Con sede in via Meucci 12 a Meda, l’azienda vanta oggi una superficie produttiva di circa 10 mila metri quadrati, per un totale di 50 dipendenti.

Riva-mobili-d'arte-azienda-meda-francesco-riva-mb-5

“Il complimento più bello che ho ricevuto? Un cliente, un giorno, mi ha detto che in qualsiasi parte del mondo si trovino, riconosce i miei mobili. Un traguardo importantissimo, per me: il mio prodotto ha una sua identità forte che lo distingue dagli altri!”, ha spiegato con orgoglio Riva.

Riva-mobili-d'arte-azienda-meda-francesco-riva-mb-9

Due figlie, Francesca e Giulia, ed una passione sfrenata per il suo lavoro: è così che Francesco Riva riassumerebbe la sua vita da quando, nel lontano 1998, ha fondato la sua azienda, da quest’anno iscritta all’associazione di industriali Imprese Brianza: “Mio padre aveva un’azienda di mobili, la M. A. Riva. Abbiamo avuto qualche divergenza sulla strada da prendere. Così ho aperto la mia fabbrica e qualche anno dopo ho rilevato anche quella di mio papà, che oggi è adibita alla collezione più moderna (in foto sopra)”, ha raccontato.

L’ingrediente fondamentale per la buona riuscita del mobile d’arte Riva è la fusione tra lavoro e passione. A spingere Francesco Riva non c’è solo una forte dedizione ai suoi affari, ma anche un’innata creatività che fa dei suoi bozzetti un hobby prima che un impiego.

Riva-mobili-d'arte-azienda-meda-francesco-riva-mb-8

Partita circa 20 anni fa con il mobile, l’azienda oggi raccoglie un assortimento di lampadari, tessuti, tappeti, piatti, bicchieri ed altri complementi d’arredo per una produzione al 100% made in Italy ed una rete di fornitori storici e di fiducia. Ad oggi sono distribuite otto collezioni ed un totale di 50 ambienti tra zona giorno, zona notte, living, cucina ed ufficio. Il mercato di riferimento, però, non è quello italiano. I mobili Riva sono particolarmente apprezzati nei Paesi esteri come Russia, Cina, Giappone, Iran, Sud America e molti altri.

Come fare a realizzare mobili che accontentino ogni Paese? “Semplice – spiega Francesco Riva – il nostro è un target di fascia alta, e i ricchi sanno bene cosa vogliono. Se in Sud America vanno complementi d’arredo colorati, noi li facciamo con colori tenui e sobri perchè le persone più agiate vogliono sempre l’opposto di ciò che avevano prima di arricchirsi. Ogni Paese ha le sue esigenze, cerchiamo di stare al passo con molte ricerche di mercato!”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Francesca Zonca
Francesca Zonca. Se dovessi riassumere le mie passioni in due parole direi sicuramente lingue straniere e cinema. Studio lingue da quando sono piccola, amo viaggiare ma soprattutto amo riuscire ad entrare in contatto con diverse culture. La comunicazione e l'informazione sono al primo posto per me.


Articoli più letti di oggi

Aggredisce la moglie e le strappa il figlio neonato: paura in via Marsala

Nonostante l'arrivo della Polizia, l'uomo non voleva saperne di lasciare il bambino: solo dopo diversi tentativi si è arreso, liberandolo. Denunciato per maltrattamenti in famiglia

Pedemontana, migliaia di solleciti in arrivo per il mancato pagamento del pedaggio

L'associazione Hq Monza segnala le incongruenze di un sistema interamente on line che non facilita il saldo da parte dei pendolari

Seregno. Il sindaco Rossi abbellisce le scuole e dà lavoro a due imbianchini

Il progetto prevedeva l'imbiancatura delle sale comunali. Il sindaco ha deciso di partire però dalle scuole dando al Comune anche un importante ruolo sociale

Ospedali lontani e depotenziati? Le ASST di Monza e Vimercate replicano ai sindaci

Mentre i primi cittadini brianzoli segnalano disagi per i pazienti cronici e fragili, le direzioni sanitarie controbattono: "Messe in campo forze per migliorare l’assistenza ai cittadini"

Milano non basta, anche Monza e Brianza vuole il Gay Pride

Il gruppo ha un duplice obiettivo: organizzare una festa dei diritti per il 2019 e costruire una Brianza che possa essere più attenta alle differenze.