08 Maggio 2021 Segnala una notizia
Maltrattamento e animalicidio: la legge c'è (ma non basta)

Maltrattamento e animalicidio: la legge c’è (ma non basta)

4 Novembre 2016

Sempre più spesso i fatti di cronaca portano alla ribalta casi di maltrattamento animale e ANIMALICIDIO compiuto da adolescenti o poco più che maggiorenni in maniera a dir poco atroce e aberrante. Ragazzi che per gioco e  becero divertimento, notorietà tramite i social o puro sadismo commettono veri e propri atti criminali nei confronti degli animali, vittime innocenti della cattiveria umana.

Il maltrattamento animale è come detto un reato punibile dalla legge art. 544 -ter del codice penale: chiunque per crudeltà o senza necessità cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o fatiche o lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da 3 mesi a 18 mesi o con la multa da 5.000 a 30.000 euro. Stessa pena per chi somministra agli animali sostanze stupefacenti e che sottopone a trattamenti che procurano un danno alla salute degli stessi.

Art. 544-bis. (Uccisione di animali)
Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro  mesi a due anni. Cerchiamo di scoprire il perché di questa aggressività sempre più crescente nei confronti dei più deboli e indifesi e come sfocia in maltrattamento. Il primo stadio potrebbe essere addirittura inconsapevole. Se non si conoscono esattamente i bisogni primari del proprio animale si potrebbe incorrere in mancanze anche gravi.

Il consiglio è quello di informarsi sempre e il più possibile. Non tutti i cani ad esempio hanno le stesse necessità. Razza, dimensioni, carattere sono alcune delle caratteristiche da prendere in considerazione ed elementi che li differenziano l’uno dall’altro. Essere preparati e informati ci permette di accogliere un animale nel migliore dei modi. È un elemento in più che entra a far parte della famiglia e come tale dovrebbe essere trattato.

Nel secondo stadio potremmo inserire invece quelle persone che fanno del male di proposito e quelli che ne traggono beneficio psicologico od economico. Basti pensare ad esempio ai combattimenti o corse clandestine, spettacoli circensi che utilizzano gli animali per nostro divertimento ma che celano un vero e proprio maltrattamento fisico e psicologico.

Nell’ultima categoria si trovano le persone che ripetutamente maltrattano o uccidono gli animali traendo godimento e piacere nel farlo. Oggi più che mai non si può più accettare ignoranza o malcostume come attenuante. Si richiede  a gran voce per il reato di ANIMALICIDIO un  inasprimento delle pene valutando che per la maggior parte dei casi sussiste l’aggravante della pericolosità sociale e che le stesse siano certe.

Tra i casi di maltrattamento a oggi più noto e discusso è la triste vicenda  di Angelo, storia diventata virale tanto che vi è stato pochi giorni fa un servizio delle IENE. Con la speranza che giustizia sia fatta e che lo stato prenda atto che ci vogliono provvedimenti immediati per la sicurezza anche dell’intera comunità , ci auspichiamo che questo caso diventi un esempio affinché di ANGELO ce ne siano sempre meno.

Attendiamo il corso della giustizia chiedendoci da dove arriva tutto il male e la cattiveria che affligge la società dei giorni nostri. Forse un giorno riusciremo a fermarci per riflettere e capire che per andare avanti dobbiamo tornare indietro ritrovando così noi stessi

Barbara Ziza

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi