15 Maggio 2021 Segnala una notizia
Il figlio di un anno rimane chiuso in auto. Salvato dai vigili del fuoco

Il figlio di un anno rimane chiuso in auto. Salvato dai vigili del fuoco

14 Ottobre 2016

Momenti di panico a Giussano per una madre di trent’anni che si è vista impotente di fronte al proprio figlio di un anno rimasto accidentalmente chiuso nella autovettura. Il fatto è accaduto alle 15.30 di venerdì 14 ottobre.

Secondo il racconto dei testimoni, la donna era scesa da sola, forse per non fare bagnare il bambino dalla pioggia, ed era andata a prendere l’altro figlio all’asilo comunale di via Milano, senza rendersi conto di avere lasciato le chiavi all’interno della vettura.

Quando è tornata ha scoperto che era entrata in funzione la sicura automatica, probabilmente attivata pochi secondi dopo che lei era scesa. Inutili i tentativi di forzare la portiera: la donna ha chiamato la Polizia Locale, la quale, vista la situazione, ha, a sua volta, chiamato in soccorso i Vigili del Fuoco. Il bambino è stato quindi messo in salvo dopo aver forzato il finestrino posteriore dell’auto dal quale poi si è riusciti finalmente ad aprire il mezzo dove era rimasto intrappolato il piccolo.

Grande il sollievo per la madre, che ha potuto riabbracciarlo subito, con la mente che forse andava ai tanti fatti di cronaca simili accaduti in passato e che si sono conclusi meno felicemente, non solo perché i genitori a volte lasciavano i figli in macchina per ore, ma anche perché qualunque malintenzionato, nel vedere un bambino da solo, aveva potuto agire indisturbatamente. Per fortuna non è stato questo il caso.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Pietro Gambino
Classe '90, sono cresciuto in compagnia di tanti libri e di buona musica. Scrivo da quando ho memoria e sin dal liceo i miei compagni di viaggio sono Dostoevskij, Hugo, Baudelaire, Montale, ma anche i Beatles, Bob Dylan e Lucio Battisti. Nel tempo libero strimpello la chitarra e scrivo canzoni, racconti e poesie. Colleziono concerti, vinili e momenti di vita irripetibili.


Articoli più letti di oggi