“La magia del Nathalie”, il letto emblema della qualità brianzola firmata Flou

"La magia del Nathalie", il letto emblema della qualità brianzola firmata Flou

Un giorno abbiamo ricevuto un ordine particolare: si trattava di un letto fuori dal comune, di colore viola e dai tessuti inconsueti. Qualche tempo dopo, passeggiando in produzione, mi sono accorto di un altro letto con quelle strane caratteristiche. Mi sono incuriosito e, investigando, ho scoperto che entrambi erano destinati all’ex pilota scozzese David Coultard. Il primo per la casa con la sua compagna, il secondo per la sua casa da single quando si sono separati!” La testimonianza è quella di Massimiliano Messina, presidente della Flou Spa.

Fondata da Rosario Messina nel 1978, che è deceduto improvvisamente all’età di 68 anni il 9 marzo 2011, la Flou è la dimostrazione di come una famiglia che lavora in sinergia può creare qualcosa di grande e, soprattutto verrebbe da dire, comodo, come un letto. Situata a Meda in via Luigi Cadorna 12, nel cuore della Brianza, è iscritta da quest’anno all’associazione imprenditoriale Imprese BrianzaFlou oggi è una realtà consolidata che dà lavoro a 120 persone per un fatturato di 30 milioni all’anno ed ha una produzione a chilometro zero.

Flou-spa-meda-massimiliano-messina-mb

Prima tra tutte l’azienda scopre le potenzialità del piumone sul mercato italiano e crea un letto con il quale abbinarlo. È la storia del Nathalie, frutto del lavoro realizzato con Vico Magistretti. Un letto dalle linee morbide e femminili, che oggi con il suo fascino è in grado di far dormire sonni tranquilli non solo in tutta Europa, ma anche in Russia, buona parte dell’Asia, Emirati Arabi, Stati Uniti e Canada. Sono queste le nuove frontiere del letto made in Italy. Il Nathalie è l’unico letto capace di mettere d’accordo tutti i mercati.

Ecco perché da 38 anni il prodotto di punta è, in buona sostanza, sempre lo stesso: cambiano gli “abiti”, ogni volta nuovi così che venga rivestito dal tessuto più in voga, che va dalla pelle al nabuk. Dalle forme più decise e maschili è, invece, il letto Gentleman, in foto con Massimiliano Messina.  #video

L’idea di comfort, che si cela dietro agli imbottiti Flou, è sintetizzabile in una sola parola: personalizzabile. “Questa è la chiave di un comfort che accontenta tutti. – spiega orgogliosamente Massimiliano Messina, classe 1973, figlio del fondatore di Flou Spa che, insieme alle sorelle, oggi gestisce l’azienda, e che aggiunge – “Lavorando su diversi mercati sappiamo bene l’importanza di saper adattare i nostri prodotti a diversi ideali”.

Mio papà ci vedeva lungo, già negli anni Novanta ha voluto sviluppare con me un sistema di preventivi con configuratore online in 3D, che ogni anno vanta circa 25mila richieste. Era un innovatore e io, fresco di studi, l’ho seguito nel suo progetto che porto avanti anche oggi – ha raccontato il presidente Messina visibilmente emozionato – Per i 35 anni dell’azienda i dipendenti lo hanno ricordato con un albero pieno di dediche e pensieri”.

Prodotti di qualità ed una comunicazione efficiente hanno aperto la strada al secondo brand di Flou, Natevo, nato nel 2013 e fortemente voluto dopo la rivoluzione scatenata dai LED. Si tratta di un progetto innovativo, che ricerca nei mobili una fonte di illuminazione a LED. Oggi Natevo è la prima azienda in Italia ad offrire un’intera collezione di arredi in grado di illuminare l’ambiente.

Qualità e determinazione hanno alimentato la mission di Flou spa, quella di prendersi cura dell’impatto generale dell’ambiente in cui vengono inseriti i celebri letti, dedicandosi, da 9 anni a questa parte, a vari complementi d’arredo tra cui armadi, guardaroba, comodini, divani e poltrone.

 

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.

Su Francesca Zonca

Francesca Zonca. Se dovessi riassumere le mie passioni in due parole direi sicuramente lingue straniere e cinema. Studio lingue da quando sono piccola, amo viaggiare ma soprattutto amo riuscire ad entrare in contatto con diverse culture. La comunicazione e l'informazione sono al primo posto per me.