15 Maggio 2021 Segnala una notizia
Esselunga: il controllo a moglie e figlia di Caprotti. Stop alla vendita

Esselunga: il controllo a moglie e figlia di Caprotti. Stop alla vendita

6 Ottobre 2016

Aperto il testamento di Mr. Esselunga. E dopo le tante voci si è scoperto che Bernardo Caprotti ha messo il destino di Esselunga nelle mani della moglie e della figlia Marina.

La sua volontà è chiara, messa nero su bianco nel testamento. Intanto la holding Supermarkets Italiani dice stop alla vendita. La notizia dell’eredità è stata data ieri, quando nello studio del notaio Carlo Marchetti è stato aperto il documento. 

“Il 70% circa delle azioni rappresentanti il capitale sociale di Supermarkets Italiani S.p.A”, la holding di controllo di Esselunga, “ha formato oggetto di donazione in vita a favore del coniuge Giuliana Albera Caprotti e della figlia Marina Caprotti, in via tra loro congiunta”. Lo precisa in una nota Stefano Tronconi, esecutore testamentario di Bernardo Caprotti. Ai figli di primo letto, Violetta e Giuseppe, è andato il restante 30% delle quote, nella misura del 15% a testa.

MBNews ieri, era andato nei pressi dei punti vendita Esselunga a chiedere cosa immaginano i clienti e i dipendenti per il futuro del superstore. Molti i dubbi, ma anche speranze. Leggi qui l’articolo scritto da Filippo Panza.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi