Brianzatende, tre generazioni di “serie A” per sessant’anni di storia

Brianzatende, tre generazioni di "serie A" per sessant'anni di storia

Alle porte di Lesmo sorge un’azienda con Sessant’anni di prestigiosa storia d’impresa. Un successo costruito sulle spalle di tre generazioni, tutte rigorosamente di serie A, verrebbe da dire vista l’iniziale di tutti i loro nomi. Da Ambrogio Radaelli, ai quattro nipoti che si chiamano Annalisa, Alessandro, Alberto ed Andrea (in foto), passando per Aristide, che ha portato il nome, questa volta dell’azienda, fuori dalla Brianza fino oltre i confini nazionali. L’anniversario dei 60 anni è stato celebrato proprio in questi giorni e ha coinciso con il recente ampliamento di ben 5mila metri quadri della ditta.

 

brianzatende-lesmo-open-day-1-bybrianzatende
Una storia cominciata nel lontano 1944 con il nonno Ambrogio,
che si occupava di materassi ed imbottiti nel suo negozio in centro a Monza. La prima svolta arriva negli anni Settanta con il figlio Aristide e la sua idea di dedicarsi alla protezione solare, aprendo gli orizzonti al mondo delle tende da esterno ma anche da arredo, espandendo la produzione dell’azienda ed aprendo le porte a quello che oggi è BT Group: 150 dipendenti ed un marchio internazionale dietro al quale si cela una vera e propria tradizione del made in Italy.

“Se oggi siamo un’azienda solida è grazie agli investimenti fatti in tempi di crisi, per questo la crescita è stata rapida ed abbiamo concluso il 2015 con un aumento del fatturato del 20%”, ha spiegato Andrea Radaelli, 31 anni e presente in azienda da quando ne ha 18.

Per un totale di 25mila mq di area industriale ed un fatturato di 18 milioni di euro, Brianzatende vanta la produzione di ben 28.800 tende e 1.500 pergolati all’anno, utilizzando 700 tessuti scelti uno per uno. Oltre ai 4 showroom di proprietà, i prodotti di tappezzeria si possono trovare in oltre 600 rivenditori autorizzati. Una realtà importante che da quest’anno ha scelto di aderire all’associazione di industriali Imprese Brianza.

BT Group, il marchio che rappresenta l’azienda a livello internazionale, è simbolo di qualità all’italiana, nonché artefice del sistema per la copertura dei pergolati, talmente esclusivo da aver già ottenuto il brevetto italiano ed europeo. Si tratta della nuova tecnologia a teli separati, che consente di rendere ogni pergolato un elemento di arredo unico ed incredibilmente funzionale. “Il pergolato è un prodotto molto apprezzato all’estero, tanto da aver mantenuto il nome italiano senza traduzione. Per garantire la qualità della nostra offerta abbiamo acquisito una filiera produttiva verticale e cerchiamo di fare tutto in azienda”, ha precisato Andrea.

brianzatende-lesmo-intervista-impresebrianza-mb-12

Tra le  peculiarità che contraddistinguono l’azienda è il servizio, rapido ed altamente specializzato. “Ci teniamo che il montaggio dei nostri prodotti sia fatto in maniera minuziosa. Lavoriamo molto bene con i nostri team d’installazione e li formiamo con attenzione. Possiamo fare le tende più belle del mondo, ma se le montiamo male, non funzioneranno mai! “, questo il modo di fare impresa della famiglia Radaelli, come ha spiegato Andrea. Ogni installatore e fornitore dell’azienda, infatti, segue un iter di formazione direttamente con i titolari, tanto da diventarne partner.

Tra le migliaia di commesse Brianzatende può vantare di aver fornito i materiali per la tribuna vip dell’Autodromo Nazionale di Monza e l’anno scorso per quelli di alcuni tra i più visitati padiglioni di Expo, come quello della Russia e della Cina.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.

Su Francesca Zonca

Francesca Zonca. Se dovessi riassumere le mie passioni in due parole direi sicuramente lingue straniere e cinema. Studio lingue da quando sono piccola, amo viaggiare ma soprattutto amo riuscire ad entrare in contatto con diverse culture. La comunicazione e l'informazione sono al primo posto per me.