14 Maggio 2021 Segnala una notizia
Atletica, da Monza alla conquista di Parma: Chiara Rossi trionfa alla 30 km

Atletica, da Monza alla conquista di Parma: Chiara Rossi trionfa alla 30 km

18 Ottobre 2016

Non l’hanno fermata nemmeno un virus intestinale e un dolore persistente alla gamba. Domenica 16 ottobre Chiara Rossi ha trionfato alla prima edizione della 30 km di Parma. La 28enne portacolori dell’Atletica Monza ha dominato la gara dal primo all’ultimo Durante la gara (Copia)chilometro. All’arrivo sul traguardo di Basilicanova il cronometro ha segnato 2 ore, 6 minuti e 23 secondi. Nettamente staccate le sue compagne di podio, Monica Baccanelli (Esc Ssd Srl Europa Sc) in 2 ore, 10 minuti e 18 secondi e Linda Pojani (Avis Pol. Malavicina) in 2 ore, 15 minuti e 6 secondi.
La vittoria è giunta al termine di un percorso variegato, che prevedeva anche un dislivello in salita di circa 80 metri. Dopo la partenza dal Parco della Cittadella, zona sud di Parma, infatti, solo i primi chilometri di gara hanno attraversato il capoluogo emiliano. Poi si è abbandonato il centro cittadino e, immersi nella natura della campagna circostante, la strada ha cominciato a salire. Gradatamente, ma in maniera costante. Anche Chiara ha dovuto leggermente rallentare il ritmo. Lo dimostra la differenza tra i suoi passaggi al decimo chilometro (42 minuti e 3 secondi) e alla mezza (1 ora, 29 minuti e 34 secondi). Poi, però, negli ultimi 9 km, la giovane atleta monzese è tornata a spingere. Anche se le avversarie ormai lontane non potevano metterle alcuna pressione. La premiazione al Parco della Cittadella è stata la degna conclusione di una giornata (quasi) perfetta. Che, tra l’altro, sempre nella 30 km di Parma ha visto ben figurare altre esponenti brianzole della corsa sulle lunghe distanze. Ombretta Riboldi (Daini Carate Brianza) è giunta quarta (2 ore, 16 minuti e 9 secondi), Tania Calloni (Desio Runners) quinta (2 ore, 17 minuti e 55 secondi) e Anna Marella (Daini Carate Brianza) decima (2 ore, 29 minuti e 42 secondi).

La vittoria in terra emiliana di Chiara Rossi è l’ennesimo tassello di una stagione agonistica da incorniciare. Su tutto spicca il titolo di Arrivo (Copia)Campionessa regionale di mezza maratona, conquistato lo scorso 22 maggio a Cernusco sul Naviglio.Prima e dopo, però, la portacolori dell’Atletica Monza ha migliorato nettamente su tutte le distanze in cui ha gareggiato. In pista (5000 e 1500 metri) e in strada. Basti pensare che lo scorso marzo a Fucecchio (in provincia di Firenze), sede dei Campionati italiani di Mezza maratona, ha realizzato il suo personale in 1 ora, 20 minuti e 21 secondi e si è classificata quindicesima a livello nazionale. A maggio di quest’anno, poi, ha anche realizzato la sua migliore prestazione alla 10K di Monza (37 minuti e 11 secondi), dove è arrivata terza. E a giugno si è piazzata discretamente perfino ai Campionati italiani di corsa in montagna a Lanzada (provincia di Sondrio). Breve pausa estiva e rientro nella mezza maratona di casa, quella di Monza. Nel parco, dove si allena cinque volte a settimana, non le è sfuggito l’ultimo gradino del podio. Insomma davvero una bella cavalcata. Che è sicuramente di buon auspicio per la prossima gara in programma. La maratona sul Lago Maggiore del 6 novembre. Il percorso, che parte da Verbania e attraversa Baveno e Stresa, presenterà agli atleti un panorama mozzafiato. La gara, tra l’altro, sarà valida come Campionato italiano di Maratona. Uno stimolo in più per dare ancora una volta il massimo.

Leggi qui l’intervista realizzata dal direttore di MBNews a Chiara Rossi

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi