07 Maggio 2021 Segnala una notizia
Tensione in via Asiago, profughi spostati di piano: interviene la polizia

Tensione in via Asiago, profughi spostati di piano: interviene la polizia

30 Settembre 2016

IMG-20160929-WA0001 (Copia)Via Asiago a Monza, ennesima puntata. Nella palazzina di recente costruzione in cui da quasi un anno sono stati sistemati più di 100 profughi, la convivenza con i 34 condomini continua ad essere difficile. Ma sembra aver fatto un passo avanti. Mercoledì 28 Settembre i residenti, da mesi sulle barricate per una situazione a loro dire insostenibile, hanno incontrato il prefetto di Monza, Giovanna Vilasi e la vicensindaco del capoluogo brianzola, Cherubina Bertola. E un primo punto d’accordo tra le parti è lo spostamento dei nuclei familiari stranieri dal primo al terzo piano delle palazzina. Dove vivono alcuni dei residenti italiani. Con i profughi maschi posti in appartamenti vicini, il clima generale nella stabile di via Asiago dovrebbe migliorare. In teoria, almeno. Perché, ieri, la redistribuzione degli inquilini stranieri è iniziata con un po’ di agitazione. Alcuni dei richiedenti protezione internazionale hanno fatto ostruzionismo. Per calmare la situazione c’è voluta la presenza di alcune volanti della Polizia. E, perfino, di un’ambulanza. Sembra che a scatenare la reazione degli stranieri sia stato il fatto che “lasciavano, a loro parere, appartamenti puliti al primo piano – sostiene uno dei residenti di via Asiago – per andare in altri al terzo piano sporchi e non adeguati ad ospitare famiglie”. Alla fine, comunque, il sereno sembra essere tornato. Senza feriti né duri interventi della Polizia.

La situazione di via Asiago, comunque, ha tutte le caratteristiche di una pentola in ebollizione. Pronta a scoppiare. L’incontro di due giorni fa tra il prefetto e i condomini della palazzina era il secondo nel giro delle ultime due settimane. Al di là di una maggiore disponibilità alla cooperazione tra le parti, è andato in scena l’ormai consueto muro contro muro. Su un fronte la rappresentante del Ministero dell’Interno sul territorio, che ha ribadito l’attenzione elevata sulla vicenda, la vigilanza costante delle Forze dell’Ordine e si è impegnata ad un maggior dialogo con Trattoria Mercato, la società che ha preso in affitto gli appartamenti per i profughi. Sull’altro fronte i residenti, che continuano a chiedere l’azzeramento della presenza dei migranti nella struttura di via Asiago, dove la tensione sarebbe alta per il mancato rispetto delle basilari regole di convivenza da parte dei cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale. Oltre che per presunti comportamenti fuori dalla legge (si parla di episodi di prostituzione e spaccio di sostanze stupefacenti) da parte di alcuni di loro. “Ci sentiamo abbandonati e presi in giro dalle istituzioni – afferma uno dei residenti – ci avevano promesso, ad esempio, di cambiare i tre vigilanti egiziani. Due sono effettivamente stati mandati via – continua – ma uno è rimasto ed è proprio quello di cui ci eravamo più lamentati perché inseguiva le nostre mogli”.

L’impressione è che, dopo le lettere di protesta e la ribalta nazionale delle trasmissioni televisive, vedremo altre puntate della vicenda. Anche perché “noi capiamo la situazione di disagio, ma nell’immediato non sappiamo dove altro mettere i profughi – ammette il prefetto, Giovanna Vilasi – non so dire quando sarà almeno possibile una riduzione del loro numero in via Asiago”. Chissà che possa concretizzarsi l’idea emersa in questi giorni di un nuovo hub, oltre a quelli di Agrate Brianza e a Limbiate, dove ospitare gli stranieri richiedenti protezione internazionale. Nel frattempo si va avanti. Ognuno come può.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi