21 Ottobre 2020 Segnala una notizia
Melanoma, riconoscerlo e prevenirlo: screening per i donatori di Avis Seregno

Melanoma, riconoscerlo e prevenirlo: screening per i donatori di Avis Seregno

2 Settembre 2016

Estate significa sole e abbronzatura, ma per la nostra pelle è anche il momento di maggiore esposizione ai rischi di melanoma e tumori dermatologici. La conoscenza dei fattori di rischio, i controlli, l’autoesame, sono gli strumenti più efficaci per ridurre i casi di patologie. E, questi, sono gli obiettivi della campagna di prevenzione e di screening promossa da «Avis Seregno» con la «Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori» («LILT») e con il patrocinio del Comune di Seregno.

«Questa campagna di sensibilizzazione, che unisce un momento di educazione sanitaria con l’obiettivo di favorire uno stile di vita sano e lo screening dei donatori – dichiara l’assessore ai Servizi sociali Ilaria Anna Cerqua – permette di essere efficace a trecentosessanta gradi nella lotta contro il cancro alla pelle. Ancora una volta Avis Seregno dimostra la propria attenzione nei confronti della salute e del benessere delle persone».

Il melanoma è il più aggressivo dei tumori cutanei. Non è il più comune, ma la sua incidenza è in aumento: in Italia si registrano ogni anno circa 7 mila nuovi casi. Se riconosciuto presto, può essere curato con successo, ma se lasciato a sé può diffondersi, anche rapidamente, ad altri organi e tessuti.

«Il principale fattore di rischio è l’esposizione eccessiva ai raggi solari Uva e Uvb, che possono danneggiare il Dna delle cellule della pelle e innescare la trasformazione tumorale. Altrettanto pericolose sono le lampade abbronzanti — spiega Paolo Minotti, presidente di Avis Seregno. Giocano poi un ruolo importante la predisposizione genetica e altri elementi, come occhi, capelli e pelle chiari, molti nei, lentiggini».

Secondo i dati dell’«Associazione italiana registri tumori» («Airtum») sono quasi 11mila i nuovi casi di melanoma registrati in Italia nel 2014 e l’incidenza di questa malattia è da anni in costante ascesa sia negli uomini che nelle donne. Se la diagnosi è precoce, le possibilità di guarigione completa superano l’80 per cento.

«Avis Seregno», con la collaborazione di «LILT», ha promosso una campagna di visite di diagnosi precoce alla cute rivolta ai propri associati. Oltre 400 donatori di sangue si sottoporranno alla proposta di screening gratuito che sarà effettuato a settembre presso la sede di via Verdi.

«La campagna di screening – sottolinea Paolo Minotti – rafforza il nostro obiettivo di tutelare e prevenire la salute dei nostri soci donatori».

Un progetto in partnership con «LILT», associazione nata nel 1948, che proprio in Brianza ha aperto i suoi primi laboratori oncologici: nel 1963 nasce a Cesano Maderno il primo Ambulatorio Oncologico gestito dalla Lega Tumori, nel 1969 aprono gli Ambulatori Oncologici di Novate Milanese (nello stesso anno nasce la delegazione di Brugherio), nel 1972 aprono gli Ambulatori Oncologici di Monza e Seregno, 1974 apre l’Ambulatorio Oncologico di Desio.

Giovedì 8 settembre alle ore 21 in sala «Monsignor Gandini» (via XXIV Maggio) è in programma «Quando il sole diventa nemico… è solo un puntino?»: una serata informativa aperta a tutta la cittadinanza sui tumori della cute e sul melanoma della pelle.

Informazioni: Avis Seregno tel. e fax: 0362/23.98.91 – email: seregno.comunale@avis.it – web: www.avisseregno.it.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Usmate Velate, ennesimo incidente all’incrocio della tangenzialina

Non è il primo incidente che si verifica nel tratto di strada. Continui infatti i sinistri così come le osservazioni da parte degli automobilisti che richiedono a gran voce un cambio della viabilità. 

Polmoni “bruciati” dal Coronavirus, 18enne salvato da trapianto record

Francesco era giovane e perfettamente sano, il virus lo ha infettato e gli ha danneggiato irrimediabilmente i polmoni, 'bruciando' ogni capacità di respirare normalmente. 

Desio, camion si incastra in un sottopasso: traffico in tilt e treni cancellati

Sembra una foto fake eppure è assolutamente vera: un camioncino del corriere GSL è rimasto letteralmente incastrato nel sottopasso di via Lampugnani a Desio.

Brugherio e Muggiò: recuperati due biacchi da ENPA

Purtroppo il biacco recuperato a Muggiò è morto per un colpo alla testa.

Barbara Bolzan e il suo grande amore per la scrittura: intervista

Barbara Bolzan è nata a Desio, lavora come scrittrice, editor per case editrici e autori, inoltre tiene corsi di scrittura creativa presso i licei della Brianza.