07 Maggio 2021 Segnala una notizia
Lettera dei residenti di via Asiago: "Vogliamo azzeramento presenze!"

Lettera dei residenti di via Asiago: “Vogliamo azzeramento presenze!”

16 Settembre 2016

I residenti del condominio “Residenza dei Pini” di via Asiago, ricevuti per un incontro dal Prefetto di Monza e Brianza, durante il quale hanno affrontato le problematiche di convivenza relativa alla presenza di centotrenta migranti nel loro stabile, hanno inviato alla redazione una lettera di protesta contro le dichiarazioni rilasciate ieri dalla Prefettura di Monza e Brianza.

“Sottolineiamo come il livello di sicurezza e di attenzione sulla struttura di Via Asiago, attuale e trascorso, sia sempre stato carente ed inadeguato, in quanto operato da personale privo dei necessari requisiti e formazione”, esordiscono i residenti che poi affermano che la sicurezza sia a rischio come testimoniato da numerosi interventi delle Forze dell’Ordine nel condominio. Poi la nota prosegue ” nessuna risposta è stata data circa la poco trasparente gestione dei richiedenti asilo e il Prefetto ha esordito fingendo di non conoscere le problematiche inerenti il condominio, nonostante le numerose denunce effettuate dai residenti negli scorsi 11 mesi”.

Come hanno già fatto presente più volte, i condomini definiscono “inconciliabile” la loro posizione rispetto a quella della Prefettura “in quanto il Prefetto ha ribadito perentoriamente come non sia sua intenzione non solo azzerare, ma nemmeno ridurre, il numero di ospiti presenti nella struttura”.

La Prefettura dal canto suo aveva invece dichiarato di essere al lavoro per ridurre le presenze in via Asiago, che secondo i residenti però “sarà effettuata solo per riportare entro i limiti di legge il numero di occupanti per unità abitativa, così come indicato a seguito di un sopralluogo effettuato dalla ASL”. Secondo i condomini di via Asiago la Prefettura non dovrebbe possedere ” le capacità per trovare una soluzione al problema, senza arrecare un danno economico, psicologico e sociale ad un ristretto gruppo di cittadini”. Sempre secondo i condomini la Prefettura “avrebbe incessantemente sminuito qualsiasi problematica gli fosse sottoposta, adottando un atteggiamento che non è parso né consono, né adeguato ad una figura istituzionale di tale importanza”.

All’incontro ha partecipato anche il Sindaco di Monza Roberto Scanagatti, che secondo i residenti sarebbe ” in disaccordo con il Prefetto” ed avrebbe ribadito “come la posizione dell’amministrazione comunale sia sempre stata quella di evitare una eccessiva concentrazione di richiedenti asilo, indicando come numero massimo 10 persone per ogni struttura/condominio eventualmente coinvolto”. È proprio al sindaco che si rivolge ora l’appello dei cittadini: “In qualità di rappresentante dei Cittadini Monzesi, risponda a sua volta al comunicato stampa del Prefetto, prendendo ufficialmente posizione contro una gestione dei richiedenti asilo totalmente inadeguata e dannosa per la comunità che rappresenta”. La richiesta dei residenti di via Asiago non cambia, chiedono “L’ azzeramento del numero di ospiti nella l’struttura di Via Asiago 8/D, per permettere la riqualificazione dello stabile e del quartiere ad uno stato pari a quello precedente all’inizio di questa vicenda”. Per ottenere il risultato i residenti “proseguiranno a manifestare e a denunciare le proprie problematiche con i mezzi e le modalità che riterranno più opportuni”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi