10 Maggio 2021 Segnala una notizia
Concerto Ligabue, la Finanza sequestra 45 biglietti e 1500 prodotti contraffatti

Concerto Ligabue, la Finanza sequestra 45 biglietti e 1500 prodotti contraffatti

26 Settembre 2016

L’eco del concerto di Ligabue al Parco di Monza si è spenta da poche ore. L’arrivo di 140mila persone per i due concerti del rocker emiliano resterà un ricordo piacevole per molti. Anche sul fronte della sicurezza pubblica. Nella tre giorni di eventi, a partire da venerdì 23 settembre e fino a domenica 25, infatti, non si sono registrati episodi particolari di cronaca. Poco più, si può dire, dell’ordinaria amministrazione. Lo conferma anche la Guardia di Finanza, che nei giorni dell’evento musicale ha schierato ben 130 uomini. Il sequestro di 45 biglietti e di 1500 prodotti con il logo “Liga Rock Park” falsificato, la denuncia di 21 persone per cessione di merce contraffatta e di 3 bagarini per resistenza a pubblico ufficiale. Questo il bilancio fornito dai militari.

Nello specifico la Guardia di Finanza di Monza, supportata da altri sei reparti del Comando provinciale di Milano, ha eseguito anche controlli fiscali per la mancata emissione di scontrini nella vendita di alimenti e bevande. L’impegno maggiore, comunque, è stato rivolto per contrastare il bagarinaggio. Su questo fronte le ordinanze emesse dai Comuni interessati dal doppio concerto di Ligabue (Monza, Lissone, Vedano al Lambro, Biassone e Villasanta) a tutela della sicurezza urbana e dell’incolumità pubblica hanno permesso di mettere in atto un’attenta azione di contrasto del fenomeno. Diciotto i bagarini sorpresi a vendere biglietti nei luoghi di maggior passaggio dei fan di Ligabue, come i parcheggi e la stazione ferroviaria. Scene viste più volte in tutte le grandi manifestazioni, da quelle sportive a quelle musicali. Come non sono certo una novità, in questi casi, la vendita di t-shirt, fascette, locandine e cartoline con loghi contraffatti. Il campionario di prodotti è vario. E per gli unici due concerti nel 2016 di Ligabue ha compreso anche il sequestro di 200 accendini. D’altro canto non serviva un aiuto in più per infuocare la passione delle migliaia di persone pronte ad assistere alle quasi tre ore di concerto sul prato della Gerascia.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi