13 Maggio 2021 Segnala una notizia
Rio 2016, Marco Fontana: "Senza la foratura avrei vinto una medaglia"

Rio 2016, Marco Fontana: “Senza la foratura avrei vinto una medaglia”

25 Agosto 2016

E’ un Marco Fontana positivo e pronto a rimettersi subito in gioco quello che torna da Rio senza alcuna medaglia al collo,  ma con una prestazione che ha fatto emozionare gli italiani davanti alla tv.

Come avevamo raccontato nel nostro precendente articolo, la gara di Cross Country dell’atleta brianzolo nato a Giussano e vissuto per 20 anni a Cesano Maderno, è stata interrotta proprio quando si trovava in testa: una foratura lo ha costretto a fermarsi e concludere la gara al ventesimo posto. Una beffa per lui e per i suoi tifosi che stavano già pregustando una medaglia dopo il bronzo del 2012 a Londra.

marco-fontana--rio2

Abbiamo voluto intervistarlo e capire dalle sue parole quanto successo.

Quanto è stata dura affrontare l’incidente durante la gara quando era ancora in testa?

Subito è stato abbastanza facile perché ho reagito bene e sono ripartito forte. Poi però nel recuperare sono incappato in tanti incidenti causati da altri atleti ed ho perso molto terreno quindi mi sono un po’ buttato giù. Il peggio comunque è stato all’arrivo perché sono sicuro che avrei potuto vincere un’altra Medaglia…

Non è tornato con una medaglia, ma i suoi fan e il pubblico italiano l’ha supportata anche al suo ritorno

I miei amici sono veri e le persone che mi seguono ci tengono molto a me, inoltre quell’emozione l’hanno provata in tanti, pre e post problema meccanico. Quando sei in diretta davanti a migliaia di persone non nascondi nulla e si vedeva bene che ero tra i più forti. L’accoglienza che ho avuto all’arrivo a Milano è stata frutto di quella esperienza vissuta da tanti davanti alla TV.
Lei è nato a Giussano ed è vissuto a Cesano Maderno: è ancora molto legato alla sua città e alla Brianza, dove è cresciuto anche professionalmente?
Sono nato a Giussano e cresciuto a Cesano Maderno per più di venti anni della mia vita quindi ho tanti ricordi e quando ripasso dai miei Genitori mi piace sempre di più. Certo è un po’ più caotica rispetto a dove vivo adesso (Castell’Arquato nel piacentino) ma ci sono i miei amici d’infanzia e la Brianza rimane un bel posto sia per il business che per lo svago.
Qual è il suo prossimo obiettivo sportivo?

Il quadriennio che porterà a Tokyo è lungo ma io voglio farlo da agonista vero giocandomi tutte le carte. Adoro quello che faccio nelle vittorie e nelle sconfitte quindi continuerò a correre ai massimi livelli. L’anno prossimo i Campionati del Mondo sono a Cairns in Australia e se devo mettere la prossima bandierina la piazzo lì!

marco-fontana--rio3

foto credit:  Luca Bettini/BettiniPhoto©2016

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Articoli più letti di oggi