11 Dicembre 2019 Segnala una notizia
Seveso, anche No Pedemontana ricorda il 10 luglio 1976 #Foto fiaccolata

Seveso, anche No Pedemontana ricorda il 10 luglio 1976 #Foto fiaccolata

12 Luglio 2016

In parallelo alle celebrazioni ufficiali di Seveso +40, concentratesi nel fine settimana del 9 e 10 luglio, il movimento No Pedemontana ha voluto ricordare a modo suo l’anniversario del disastro di Seveso.

Dopo la serata di lunedì 4 luglio, con lo spettacolo di Massimiliano Vergani “Diossina 2.0”, il gruppo che da anni si batte contro l’autostrada lombarda ha organizzato, lo scorso sabato 9 luglio, un incontro con Daniele Biacchessi, autore di “La fabbrica dei profumi”, ristampato in occasione del 40esimo dell’incidente Icmesa, a cui ha fatto seguito una breve fiaccolata per le strade di San Pietro, partita dal muro della ex fabbrica.

Un momento del monologo-spettacolo di Biacchessi

Un momento del monologo-spettacolo di Biacchessi

Una scelta libera o, al contrario, obbligata, quella di mantenere una certa distanza dalle manifestazioni istituzionali? «A dire il vero non ci è nemmeno venuto in mente di domandare all’amministrazione di partecipare al programma delle “Contaminazioni” – risponde Davide Biggi a nome del movimento -. Abbiamo voluto ricordare l’anniversario a modo nostro, stando lontani da una certa retorica da anniversario».

Anche un modo, forse, per marcare la distanza da figure come quella di Roberto Maroni, che come presidente della Regione ha preso parte alle celebrazioni ufficiali del 10 luglio. E che, non a caso, alcuni membri di No Pedemontana hanno contestato con fischi, urla e cartelli provocatori durante il suo intervento di domenica al Bosco delle Querce: Maroni ha infatti sempre sostenuto Pedemontana, nonostante il rischio che il cantiere per la tratta B2 riportasse in superficie la diossina del 76. No Pedemontana, al contrario, ritiene che anche i carotaggi per quantificare il livello di diossina nel terreno siano stati inutili: meglio, secondo gli attivisti del movimento, sopprimere sul nascere la nuova autostrada lombarda, e non correre nemmeno il rischio di riaprire la vecchia ferita già inferta una volta, e pesantemente, dall’Icmesa.

Un momento della contestazione del 10 luglio

Un momento della contestazione del 10 luglio

«Sulla diossina c’è stata tanta confusione, prima non se ne voleva parlare, ora sembra che il problema principale sia stato l’allarmismo – continua Biggi -. Ma ridurre il tutto all’allarmismo, che pure c’è stato, significa negare i rischi per la salute che la popolazione corre ancora oggi».

La fiaccolata, a cui hanno preso parte una 70ina di persone, si è mossa tranquillamente per le strade del quartiere di San Pietro poco dopo le 22.00.

Solo qualche slogan urlato dai partecipanti e qualche sguardo curioso da parte dei pochi passanti incontrati: chissà, forse la maggior parte dei sevesini si trovava al tendone di via Redipuglia per la serata-tributo agli 883. Forse è vero che molti, ancora oggi, preferiscono dimenticare.

no-pedemontana-fiaccolata-mb-1

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi

Il Capodanno a Seregno sarà rock!

Al PalaSomaschini, concerto-tributo dedicato ai Queen in attesa del 2020

Vedano, La Casa Francesco inaugura il poliambulatorio (gratuito) per i più deboli

L'iniziativa, chiamata “Le comunità della Salute” mette al centro il benessere per ogni cittadino e propone un servizio sanitario di qualità per tutti, senza distinzioni socioeconomiche. 

Monza, con gli Sky Box un altro passo verso un futuro da grande squadra

Durante la partita con la Giana Erminio si è alzato il sipario sugli Sky box di cui si era parlato molto in questi mesi.

Monza, Controllo di vicinato: in arrivo più di cento cartelli nei quartieri della città

Alcuni ci sono già, altri arriveranno presto. Il simbolo dell'associazione avvisa residenti e malintenzionati che in quella zona ci sono cittadini pronti a segnalare furti, rapine e altre illegalità.

Cancello in tilt, automobilisti prigionieri del Parco di Monza 

Insomma, traffico in tilt in entrata e in uscita dal Parco. Ignote le cause. Un quarto d'ora di attesa, il tempo di arrivare sul posto per "liberare" gli automobilisti imbufaliti.