03 Aprile 2020 Segnala una notizia
Pedemontana, Maroni entusiasta di Di Pietro. M5S, l'opera è già morta

Pedemontana, Maroni entusiasta di Di Pietro. M5S, l’opera è già morta

28 Luglio 2016

«Ci vuole tanta energia per completare la Pedemontana, perché ci sono diversi problemi. E Di Pietro questa energia ce l’ha, è la persona giusta». Sono queste le parole che Roberto Maroni, in diretta a Radio24 qualche giorno fa, ha usato per commentare la recente nomina dell’ex pm di Mani Pulite a capo del consiglio di amministrazione della società autostrada Pedemontana. «Antonio di Pietro, da ministro, ha lanciato il progetto Pedemontana – ha spiegato il presidente di Regione Lombardia -: è uno che sa di cosa si sta parlando».

E se gli ambientalisti del coordinamento Insieme in Rete hanno già scritto ad Antonio di Pietro per chiedere un confronto sui punti critici del progetto, i sindaci della tratta B2 aspetteranno il rientro di settembre per organizzare un incontro: lo afferma il primo cittadino di Barlassina, Piermario Galli. Dopo l’estate si sarà anche deciso, si spera, come operare nelle zone contaminate da diossina: arriveranno a giorni gli esiti dei carotaggi per stabilire i quantitativi di Tcdd presenti nel territorio dopo l’incidente Icmesa del 1976.

«Siamo felici della nomina per via dell’esperienza di Di Pietro nelle infrastrutture – premette Galli -. Nonostante siano noti i problemi di bilancio di Pedemontana – aggiunge -, pretenderemo la realizzazione delle opere di compensazione: va bene che l’autostrada si fermi a Lentate, ma vogliamo che la Milano-Meda venga messa in sicurezza». Secondo Galli le condizioni della superstrada sono ormai insostenibili: «Da quando il controllo della gestione è passato alla provincia di Monza qualcosa è stato fatto, ma non basta – insiste -. Bisogna intervenire su asfalto, guardrail e sul verde che spesso copre la segnaletica».

gianmarco corbetta movimento 5 stelle

Gianmarco Corbeta

Più critico Gianmarco Corbetta, portavoce regionale del M5S: «Con questa nomina in sostanza non è cambiato nulla: i problemi nel proseguimento dell’opera, fortunatamente, restano tutti – commenta Corbetta in tono polemico -. Sarmi era stato scelto per trovare finanziatori privati internazionali e ha fallito. Rispolverando Tonino dalla soffitta, Maroni tenta l’ultima mossa disperata: ingraziarsi il governo centrale per ottenere altri fondi pubblici, ma anche questa strada fallirà miseramente».

Giovedì 28 agosto Di Pietro dovrebbe illustrare le novità di Pedemontana: un abbassamento dei pedaggi (al momento è la seconda autostrada più cara d’Italia) e una maggiore trasparenza nella realizzazione. «Dopo anni di “va tutto bene” finalmente il governatore comincia a fare i conti con la dura realtà dei fatti: parla di “diversi problemi” e di una “maggiore trasparenza” sullo sviluppo di Pedemontana – continua Corbetta -. Ebbene, cominci a spiegare ai cittadini “con maggiore trasparenza” quali sono i “diversi problemi” di Pedemontana, così tutti si renderanno conto che non basta un cambio di presidenza per salvare un’opera devastante e condannata da una profonda crisi finanziaria: non sarà certo Di Pietro a resuscitare un progetto già morto!»

«Bene la decisione di ridurre il costo dei pedaggi e la volontà di rendere più trasparente l’iter dei lavori, ma nutriamo ancora molta perplessità sul fatto che l’opera, così com’è, verrà terminata nel 2021 – aggiungono dal Pd il capogruppo e il consigliere regionale Enrico Brambilla e Laura Barzaghi -. Riteniamo opportuno un confronto in aula sulla conclusione dei lavori dell’infrastruttura che a oggi, per mancanza di liquidità, è completa solo per alcuni lotti. Se si vuole finire l’opera bisogna necessariamente modificare il progetto per renderlo sostenibile finanziariamente».

Articolo aggiornato il 28.07.2016 alle ore 17.40 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi

Covid-19, Fontana: “Nessuna passeggiata con i figli. In Lombardia vale la mia ordinanza”

"In Lombardia nonostante la circolare del Viminale non cambierà nulla di quello che c'è nella mia ordinanza" a dichiararlo il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. 

Coronavirus, aggiornamento Monza e Brianza. Ecco le comunicazioni dei sindaci

Sono 2.543 (+81) i pazienti positivi al Covid-19 nella provincia di Monza e Brianza.

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia al 2 aprile

"Il trend migliora, ma va valutato su un arco di 4/5 giorni. Non bisogna comunque abbassare la guardia". Lo ha dichiarato il vicepresidente della Regione Lombardia, Fabrizio Sala.

Aggiornamento Covid Monza e Brianza, ecco i dati diffusi dai sindaci

Sono 2.462 (+100) i pazienti positivi al Covid-19 nella provincia di Monza e Brianza. Il numero dei contagi sta registrando un aumento stabile rispetto ai giorni precedenti.

Coronavirus, spesa e lavoro sicuri nei supermercati: la petizione in Monza e Brianza

A Monza e Brianza è stata lanciata una petizione su Change.org per chiedere che la spesa nei supermercati venga riorganizzata garantendo sicurezza per i clienti e gli addetti al lavoro.