18 Ottobre 2019 Segnala una notizia
Furti e aggresioni alla piattaforma ecologica. Il comune di Monza: "Faremo mini centri di raccolta"

Furti e aggresioni alla piattaforma ecologica. Il comune di Monza: “Faremo mini centri di raccolta”

25 Luglio 2016

Un‘aggressione ancora senza un colpevole. Un sospettato a piede libero. Un pericolo scampato per poco. Non si tratta di un thriller. Sono le caratteristiche di una vicenda di cronaca che risale a pochi giorni fa. Con risvolti ancora tutti da scoprire. Era lo scorso 14 luglio quando Victor Salvator Todaro, segretario provinciale trasporti di Milano del Confael (Confederazione autonoma europea dei lavoratori), viene aggredito nella piattaforma ecologica di viale delle Industrie a Monza. Ci era andato per depositare alcuni rifiuti. Dal muro di cinta un extracomunitario gli si para davanti. Vuole appropriarsi degli oggetti per rivederli ai ricettatori. Al diniego di Todaro, lo aggredisce con un pugno al volto. Poi tenta di colpirlo con una spranga di ferro. Infine il malvivente fugge, prima dell’arrivo della Polizia locale e di poter essere visto da altri testimoni. Da quel giorno è ancora in circolazione. Gli interrogativi sulla sicurezza della piattaforma ecologica di Monza, intanto, sono in aumento.

Le indagini su quest’ultimo episodio di cronaca poggiano su una quasi certezza. L’aggressore non sarebbe un marocchino, come dichiarato Polizia-Locale-monza-mbdallo stesso Todaro immediatamente dopo l’accaduto. “Si tratterebbe di un palestinese più volte denunciato per furto ed invasione di terreno altrui” afferma la Polizia Locale di Monza. La conferma arriva anche da uno dei lavoratori della piattaforma ecologica. “L’assalitore – spiega – è una persona che già 4 o 5 volte si è introdotto qui e ha cercato di compiere dei furti”. Nonostante se ne siano occupati anche i Carabinieri e la Polizia di Stato, l’uomo non si trova ancora dietro le sbarre di un carcere. La giustizia ha i suoi tempi. “In quest’ultimo caso, siamo in attesa che il signor Todaro sporga querela – chiarisce la Polizia locale – ci sono 3 mesi di tempo, ma, per quella che è la nostra esperienza, se questo atto formale non viene compiuto nella prima settimana, non viene più fatto. Per questo – continuano i vigili urbani – invitiamo le persone che subiscono violenze di questo tipo a rivolgersi alle autorità competenti, altrimenti è come se non fosse avvenuto nulla”. Se, a più di una settimana dal 14 luglio, non risulta ancora nessuna querela contro l’aggressore, ci potrebbe essere anche un’altra spiegazione. “Che io sappia il signor Todaro è attualmente in ferie – rivela un lavoratore della piattaforma ecologica – credo che al suo ritorno, procederà con la querela”.

Paolo Confalonieri

Paolo Confalonieri

In attesa di ulteriori sviluppi di questa vicenda, l’attenzione per l’area di viale delle Industrie,dedicata ai rifiuti, resta alta. Il furto di materiale prelevato dai cassoni di raccolta, alla ricerca di rame, piombo, ferro ed altri metalli più o meno preziosi, è un evento tutt’altro che raro. Poco più di un anno fa due romeni furono fermati con la refurtiva e attrezzi da scasso. Cinque anni fa è stato denunciato un ladro, che indossava addirittura una tuta con il logo della ditta Sangalli (gestore della piattaforma, Ndr), “Nella piattaforma ci sono beni appetibili per chi delinque, per questo siamo sempre attenti alle segnalazioni del gestore e cerchiamo di intervenire – ammette l’Assessore comunale alla mobilità, sicurezza e servizi ambientali, Paolo Confalonieri –mediamente, comunque, la situazione è sotto controllo. Casi, come l’aggressione dell’altra settimana, sono eccezioni, di cui naturalmente ci dispiace”.

La sicurezza dell’area dovrebbe essere garantita dalla videosorveglianza e dal filo spinato, annunciato lo scorso febbraio. “Il primo deve essere ancora completato – assicura un addetto alla piattaforma – la videosorveglianza c’è, ma noi non sappiamo quanto funzioni realmente. Come mai le immagini non sono state in grado di riprendere l’aggressione?”. La risposta si perde nel vento caldo dell’estate. Il Comune di Monza, intanto, annuncia possibili novità sul fronte rifiuti. “Entro il 2016, d’accordo con la Sangalli, vorremmo installare dei mini centri di raccolta nei quartieri – spiega Confalonieri – pensiamo soprattutto agli anziani, che potrebbero gettare lì pile, legno e piccoli oggetti di ferro, invece di dover andare fino a viale delle Industrie, con oggettive difficoltà di spostamento”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Ultime notizie Monza: un passante salva la vita a un 37enne

Tentato suicidio a Monza: in prossimità dell'ingresso del parcheggio sotterraneo di piazza Cambiaghi, un 37enne originario dell'Est, residente a Sovico.

Seregno: maxi truffa dei toner per stampanti, fatture false per oltre 35 milioni di euro

Seregno: maxi truffa dei toner per stampanti. La Guardia di Finanza ha scoperto fatture false per oltre 35 milioni di euro.

Strisce blu: a Lissone Fratelli d’Italia lancia una raccolta firme contro il pass sosta

Nel comune di Lissone polemiche per il nuovo pass sosta. Fratelli d'Italia: "siamo dalla parte dei cittadini". Da domani il modulo per aderire alla raccolta firme.

Bebè a costo zero: a Seveso un incontro per crescere bambini felici risparmiando

Dedicato a quei genitori genitori che desiderano riflettere su cosa serva davvero acquistare durante la gravidanza e nei primi anni di vita di un bambino.

Monza, è Lego mania: successo per City Booming. Per Natale allestimento a tema

Sono ben 2808 gli ingressi dal taglio del nastro. Numeri da capogiro per l'allestimento che, lo ricordiamo, sarà visibile fino al al 6 gennaio 2020.