13 Maggio 2021 Segnala una notizia
Candy Brugherio: crescita a doppia cifra, ma confermati i 300 esuberi

Candy Brugherio: crescita a doppia cifra, ma confermati i 300 esuberi

8 Luglio 2016

Primo semestre del 2016 in doppia cifra per il Gruppo Candy. Ma nell’incontro con i sindacati vengono confermati i 300 esuberi annunciati qualche mese fa.

Giovedì 7 luglio i sindacati della Fiom e Fim, le Rsu aziendali e la direzione aziendale di Candy Hoover Group Srl, si sono incontrati presso il Ministero dello sviluppo economico. L’euforismo per l’annuncio di crescita delle vendite è stato subito smorzato dalle parole del Ceo, Beppe Fumagalli, che ha ribadito che al momento non verranno modificati i volumi di produzione nello stabilimento di Brugherio. L’aumento di pezzi venduti sarà prodotto invece in Russia e in Cina.

“Niente di positivo quindi per l’Italia e Brugherio – affermano in un comunicato i vertici della Fiom Cgil – dove le lavoratrici e lavoratori continuano a lavorare 3 mezze giornate a settimana in regime di Contratto di solidarietà. L’azienda ha altresì ribadito la ferma intenzione di potare a termine, nel più breve tempo possibile, il piano industriale che prevede circa 20 milioni di euro da spendere in investimenti a Brugherio. Ma gli esuberi dichiarati comunque rimangono circa 300.”

Da molti anni lo stabilimento di Brugherio è in continua crisi con tagli al personale, cassa integrazione e il ricorso ai contratti di solidarietà: “In un momento di espansione sul mercato di Candy – ha dichiarato il segretario generale della Fiom Cgil di Monza e Brianza – è inaccettabile non intervenire da subito sull’aumento dei volumi prodotti a Brugherio”.

Lunedì si terranno le assemblee sindacali, dove si deciderà come proseguire nella vertenza.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Articoli più letti di oggi