26 Febbraio 2021 Segnala una notizia
Truffatrice "di affitti" in manette, ora si indaga anche sul compagno

Truffatrice “di affitti” in manette, ora si indaga anche sul compagno

27 Giugno 2016

La sua compagna è stata arrestata per truffa la settimana scorsa e lui, nonostante ciò, si è presentato a riscuotere denaro da un’altra vittima, per questa ragione è finito nel mirino della polizia di stato di Monza.

Si tratta di un quarantenne monzese, la cui compagna è finita in manette in flagranza di reato dopo essere stata scoperta “vedere” contratti di affitto fittizi.
Trentasei anni, madre di due bambini piccoli, una monzese è stata arrestata mercoledì scorso dagli agenti del commissariato di viale Romagna per truffa, in flagranza di reato. Secondo le indagini della polizia la donna, inquilina morosa di un appartamento, lo sub affittava con finti contratti e poi spariva con la caparra versata da ignari affittuari.

Le indagini erano scattate grazie alla denuncia di un giovane monzese che, dopo aver visto un annuncio su un portale web, ha contattato la presunta proprietaria la quale proponeva un appartamento in via Pitagora per 500 euro al mese di canone. Visti i locali e approfittando della ghiotta offerta, il giovane le ha versato immediatamente il primo mese di caparra e firmato un contratto, ignaro fosse ovviamente del tutto falso. Vittima e truffatrice si sono poi dati ulteriore appuntamento per il ritiro delle chiavi e il deposito degli altri due mesi di caparra. Pressato dalla presunta padrona di casa, il futuro inquilino ha però deciso di telefonare all’amministratore di condominio per verificare la situazione, venendo a scoprire che la persona con cui aveva accordi non era affatto proprietaria dell’immobile ma, anzi, era inquilina morosa da diverso tempo. Così è andato direttamente in commissariato, dove ha spiegato l’accaduto. In accordo con gli agenti si è poi presentato al secondo appuntamento, dove per la truffatrice sono scattate le manette in flagranza di reato. Addosso aveva 500 euro, che sono state restituite al truffato, e altri 1600 euro nascosti nelle scarpe, il che lascia presupporre l’esistenza di ulteriori vittime.

Una volta in carcere, il suo compagno, evidentemente complice, ha però truffato al suo posto un’altra persona, la quale lunedì mattina si è presentata dalla polizia, dove ha spiegato di essere stata vittima del medesimo raggiro. Su di lui e su altre vittime (almeno due accertate) si stanno ora concentrando le indagini del commissariato di viale Romagna.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi