29 Settembre 2021 Segnala una notizia
Il rock "astemio" del Comune, vietati i superalcolici al Gods of metal

Il rock “astemio” del Comune, vietati i superalcolici al Gods of metal

1 Giugno 2016

Sarà un concerto rock a tutto volume, ma a gradazione alcolica contenuta quello in programma il 2 giugno all’interno del Parco di Monza, nell’area Gerarchia in Autodromo. In vista del Gods of Metal al quale partecipano band internazionali il sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, ha emanato un’ordinanza che vieta la vendita di superalcolici all’interno del Parco. Nel documento pubblicato poche ore fa sull’Albo pretorio non viene indicata la gradazione alcolica oltre la quale scatta la sanzione.

In linea di massima, dunque, dovrebbe ritenersi autorizzata la classica berretta (sebbene ce ne siano alcune che sfiorano i 10 gradi), mentre tutto ciò che attiene al mondo dei distillati, dei whiskey e via dicendo dovrebbe essere off limits. I controlli sono stati affidati a vigili urbani, carabinieri e polizia.

Sul palco si alterneranno gruppi del calibro dei Rammstein, Korn e Megadeth. Niente da fare, invece, per i Kiss. L’apertura dei cancelli è prevista per le 10 di mattina, mentre l’ultimo riff sarà suonato a mezzanotte.

L’ordine del palco: Overtures alle 11, Planet Hard alle 11.40, Jeff Angell’s Staticland alle 12.30, The Shrine alle 13.30, Halestorm alle 14.30, Gamma Ray alle 15.45, Sixx Am alle 17, Megadeth alle 18.30, Korn alle 20.15 e Rammstein alle 22. Dopo di che, tutti a casa. Possibilmente sobri. Le ultime stime (non ufficiali) parlando di circa 20 mila biglietti venduti.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi