28 Febbraio 2021 Segnala una notizia
Cirami, assolto per la passerella ciclopedonale: intervista

Cirami, assolto per la passerella ciclopedonale: intervista

24 Giugno 2016

Assolto perchè il fatto non sussiste Alfio Cirami, ex Project Manager di Impregilo accusato a vario titolo insieme ad altre quattro persone per attentato alla sicurezza dei trasporti, in relazione alla costruzione di una passerella ciclopedonale a Cinisello Balsamo.

Il Tribunale di Monza ha sentenziato ieri che non sussistesse alcun pericolo di crollo. La Procura di Monza aveva chiesto per lui una condanna a due anni e mezzo, e condanne dai nove mesi ai quattro anni per gli altri imputati a processo, tra cui Mario e Pasquale Vuolo, incaricati di costruire la passerella con la ditta Carpenfer, ed anche loro assolti. L’inchiesta era nata dalla denuncia di un addetto alla sicurezza del cantiere, secondo cui la passerella sarebbe stata pericolosa perché non combaciante in due punti e riempita in extremis per essere pareggiata, senza garanzie sulla sua stabilità. Parti civili al processo anche Anas, committende dei lavori e Impregilo ditta appaltante. “Una vita sconvolta a fronte di una testimonianza non attendibile, cinque anni di processo e poi si è arrivati ad un’assoluzione perché il fatto non sussiste – spiega l’avvocato difensore di Alfio Cirami, Lorenzo Contrada – lui è stato indagato nonostante avesse un ruolo progettuale e non esecutivo, perché questo presunto testimone di giustizia, che è sotto protezione a spese dello Stato, ha dichiarato fantasiosamente che prendesse bustarelle, mentre altri ruoli non sono nemmeno stati presi in esame”.  Colui che ha dato il via all’inchiesta ha precisato “Sono un testimone di Giustizia attualmente in speciale programma di protezione ai sensi della legge 45/2001, l’ammissione al programma di protezione non è stata proposta dalla Procura di Monza ma bensì dalla DDA di Napoli in concerto con la direzione nazionale antimafia”.

La vita di Alfio Cirami, dall’inizio del processo, è totalmente mutata. Si è dovuto trasferire all’estero per ricominciare. Nella sua intervista il peso della vicenda giudiziaria.

Come è cambiata la sua vita dall’inizio dell’inchiesta?
“Sono stati sei anni molto duri e difficili, e non auguro a nessuno di essere coinvolto in situazioni che per false accuse si debba subire un processo ingiusto e pericoloso. Inoltre ho dovuto cambiare impresa e tornare a lavorare all’estero in paesi difficili come il Kazakistan, lasciando la famiglia in Italia e con tutte le conseguenze del caso, per il resto lascio immaginare”.

Cosa ha comportato per la sua reputazione e la sua famiglia questo procedimento?
“Sofferenza sotto tutti gli aspetti, (economica, morale, professionale), per fortuna che per il mio modo di essere non mi è mancata la grinta, la determinazione e la pazienza di aspettare che verità venisse a galla”.

Chi le è stato vicino?
“Ovviamente la mia famiglia, i miei avvocati, tutti coloro mi hanno conosciuto nell’arco dei miei 40 anni di esperienza professionale, molti colleghi e professionisti dei quali alcuni sono stati anche miei testimoni”.

Ad oggi, cosa chiede alla Giustizia Italiana a processo concluso e cosa ne pensa?
“Nel mio caso pur considerando tutti i danni che ho subito (economici, morali, professionali) debbo dire che alla fine grazie a Dio ho avuto una sentenza di assoluzione con formula piena, ma chiedo alla giustizia di valutare sempre con molta attenzione la veridicità di infamanti accuse che possono avere strani obbiettivi, tipo quelle che io ho subìto in questo ingiusto processo”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi