12 Novembre 2019 Segnala una notizia
Vimercate: continua l'agonia degli ex dipendenti di Bames e Sem

Vimercate: continua l’agonia degli ex dipendenti di Bames e Sem

19 Maggio 2016

Gli ex lavoratori di Bames e Sem sono tornati in presidio. Questa mattina, 19 maggio, non si sono fatti intimidire dalle forti piogge e si sono radunati davanti alla loro ex azienda di Vimercate, per ricordare la situazione delicata che stanno vivendo da anni.

I FATTI – Sono circa 350 i lavoratori che sono rimasti a casa dall’azienda, che ha ereditato l’area in cui una volta sorgeva l’Ibm e successivamente Celestica. Alla fine di quest’anno, per chi ha meno di 50 anni, scadrà il periodo di mobilità. Fra ottobre e bames-sem-presidio3 dicembre del 2017 finirà qualsiasi sostegno economico da parte dello Stato e 220 di loro rimarranno a casa senza alcun aiuto. Per questo, a dieci anni dall’inizio di questo lungo calvario, hanno voluto organizzare una manifestazione per far sentire la loro voce: “Oltre alla fondamentale questione delle persone che potrebbero trovarsi senza alcun reddito dall’anno prossimo, si deve trovare una soluzione per un’area che ha ancora grande potenzialità, ma che ad oggi non viene sfruttata – afferma Gigi Redaelli, segretario Fim Cisl Brianza – Ci vuole un intervento deciso di Regione e Stato per sbloccare la situazione. Abbiamo bisogno che si realizzi un progetto come quello dell’Energy Park per dare un futuro a questi lavoratori e a chi verrà un domani.”

Presente alla manifestazione anche Angela Mondellini, segretario provinciale della Fiom Cgil: “Anche se oggi non sembrano esserci prospettive per questo sito, dobbiamo spingere le istituzioni a fare la loro parte fino in fondo. In questi anni il comune è stato vicino all’azienda cercando di incentivarne lo sviluppo, ma la spinta deve arrivare dallo Stato e dalla Regione che hanno promesso di realizzare progetti di rilancio, ma di cui non si vede ancora nessun tipo di sviluppo.”

Ad incontrare sindacati e lavoratori anche il candidato sindaco del centrodestra Cristina Biella, il sindaco Paolo Brambilla, il vicesindaco Corrado Boccoli e il candidato sindaco del centrosinistra Mariasole Mascia.

“In questi anni abbiamo attuato in comune dei paini per incentivare l’insediamento in questa area e la reindustrializzazione – afferma il primo cittadino – Abbiamo inserito nel Pgt delle norme per modificare la destinazione dell’area e ridotto i costi di insediamento per nuove aziende. Ora si devono attivare le istituzioni che hanno potere a livello regionale e nazionale per portare una vera e propria svolta.”

bames-sem-presidioa bames-sem-presidio2

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Articoli più letti di oggi

Monza, pulizia d’autunno al deposito veicoli abbandonati della polizia locale

Negli anni sono stati accatastati 33 fra autoveicoli e motocicli e 29 biciclette che nessuno a ha rivendicati. Saranno demoliti

Artigiano in Fiera: novità 2019 accesso gratuito con pass. Scopri come ottenerlo

Appuntamento dal 30 novembre all'8 dicembre nei padiglioni di Rho Fiera con apertura tutti i giorni dalle 10.00 alle 22.30.

Addio al giudice Giuseppe Airò: era da 40 anni in servizio al Tribunale di Monza

E' deceduto oggi il giudice del Tribunale di Monza Giuseppe Natalino Airò. Sessantotto anni, dagli anni Ottanta in servizio a Monza. Era da alcuni mesi assente dal lavoro per problemi di salute.

Incendio al castello di Sulbiate: arrestata l’autrice del rogo

E' finita in manette l'autrice dell'incendio al castello di Sulbiate: si tratta di una donna italiana, impiegata, residente nella periferia ovest di Milano. Il movente è passionale.

Concorezzo, violenta lite tra due donne fuori da un locale: una finisce in ospedale

Violenta lite tra due donne di nazionalità ecuadeoregna, a Concorezzo, fuori da un locale. Una delle due ha avuto la peggio ed è finita in ospedale in codice giallo.