21 Settembre 2021 Segnala una notizia
Rotonda, erba alta tra Arcore e Villasanta: oggi incidente tra due auto

Rotonda, erba alta tra Arcore e Villasanta: oggi incidente tra due auto

6 Maggio 2016

Scontro tra due auto alla rotonda di Villasanta, davanti al benzinaio all’altezza del Gigante. Questa mattina verso le ore 9 il recupero delle auto.

Non si conosce l’esatta dinamica dell’incidente, ma è probabile che una delle due utilitarie provenisse da  Arcore, l’altra da Villasanta mentre cercava di attraversare l’incrocio che porta verso il Centro Commerciale. Non si esclude nella ricostruzione, che per la poca visibilità data dall’erba alta in rotonda, la seconda autovettura sia avanzata troppo andando a scontrarsi con quella che andava verso Monza. Tutto da verificare da parte delle forze dell’ordine, ma se così fosse il dito verrebbe puntato sull’incuria in cui è tenuta l’erba della rotonda.

L’erba lasciata alta per metà rotonda, in particolare per l’area verso Arcore (l’altra parte è stata ben tagliata, ndr), non deve aver facilitato la manovra dell’automobilista. La competenza è della provincia di Monza e Brianza, che però è a corto di fondi, tant’è che sta pensando ad un nuovo regolamento per ovviare a questo grave problema. (leggi qui)

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Commenti

  1. MassimoC dice:

    Il Viminale già da tempo aveva suggerito (purtroppo, come sempre, soltanto “suggerito”, non obbligato), agli enti subordinati di usare i migranti per opere di manutenzione civica, come potrebbe essere appunto il taglio dell’erba o lo spalo della neve.
    Ad un costo irrisorio (ma non dimentichiamo che i signori prendono già la diaria e la ricarica telefonica a puro fondo perduto) si sarebbero potute avere schiere di manutentori per opere che i Comuni definiscono “minori” ma che sono quelle che poi il cittadino vede e tocca con mano tutti i giorni.
    Di contro, all’immigrato si dava la possibilità di rendersi e sentirsi utile alla società, contribuendo ad imparare un lavoro e ad integrarsi.
    Risultato: parole al vento.

Articoli più letti di oggi