18 Ottobre 2021 Segnala una notizia
I dragoni cinesi "colorano" l'area ex Fiera di viale delle Industrie a Monza

I dragoni cinesi “colorano” l’area ex Fiera di viale delle Industrie a Monza

4 Aprile 2016

Il colpo d’occhio è di quelli che lasciano il segno: una vecchia area grigio cemento alla periferia Est di Monza, sulla quale svettano una torre gialla alta quasi 20 metri, un dragone rosso di 60, pagode colorate e riproduzioni del Panda di Chengdu. Non siamo sul set di un film “impegnato” anni Sessanta, ma all’angolo fra viale delle Industrie e viale Sicilia, dove lo scorso agosto venne organizzato di comune accordo fra l’amministrazione locale e l’associazione Italia – Cina il festival delle Lanterne.

L’evento, che ha riscosso un ottimo successo di pubblico, è tuttavia finito da due mesi. L’area, dunque, dalla fine di gennaio è chiusa, ma nessuno si è ancora preoccupato di smontare e togliere le installazioni, che fra le altre cose in uno dei comunicati di presentazione diramati dall’ufficio Stampa venivano qualificate come di particolare pregio e finitura. Non si tratta di rifiuti speciali o pericolosi. O almeno non pensiamo che lo siano, ma rimane comunque il fatto che nonostante il colpo d’occhio che lascia il segno, non è certo un bel vedere: tutte quelle installazioni dai colori sgargianti abbandonate a loro stesse in mezzo un’area periferica mettono addosso molta malinconia, oltre essere causa di distrazione per le migliaia di automobilisti che quotidianamente sfrecciano ad alta velocità in quel tratto di strada.

Festival-lanterne-degrado-6-mb Festival-lanterne-degrado-4-mb

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi