25 Settembre 2021 Segnala una notizia
Cammelli e pagode, dopo il Festival delle Lanterne ecco il Circo

Cammelli e pagode, dopo il Festival delle Lanterne ecco il Circo

18 Aprile 2016

Cammelli ed elefanti che si aggirano placidi fra pagode e torri cinesi. E’ decisamente un’immagine surreale quella che si vede sulla vecchia area fiere di Monza, all’angolo fra viale Sicilia e viale delle Industrie. Se non fosse per il vicino stadio Brianteo e per il Centro servizi Apa a pochi metri di distanza che riportano immediatamente alla realtà, un automobilista soprappensiero potrebbe anche pensare di essere finito in un un sogno.

circo-lanterne-cinesi1O un incubo. Accanto a ciò che avanza del Festival delle Lanterne cinesi organizzato dall’amministrazione comunale lo scorso inverno, infatti, la stessa amministrazione ha autorizzato l’installazione del circo. Proprio pochi giorni fa la cronaca locale aveva segnalato come i “rifiuti” della manifestazione non erano stati rimossi. In mezzo all’area erano rimasti una torre gialla alta quasi 20 metri, un dragone rosso di 60, pagode colorate e riproduzioni del Panda di Chengdu.

A distanza di una settimana circa, ecco che appare il circo. E con lui un fiume di proteste. Sia da parte degli animalisti e dell’Enpa, che ha sottolineato di non essere stata minimamente consultata prima di dare l’ok, sia parte della direzione del circo che si è ritrovata ad allestire lo spettacolo in condizioni tutt’altro che ottimali. La questione poi ha fatto capolino anche in consiglio comunale per voce del capogruppo di PrimaveraMonza, Paolo Piffer.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi