20 Settembre 2021 Segnala una notizia
Arcore, passeggiata tra le sculture: il Festival della Letteratura è anche questo #video

Arcore, passeggiata tra le sculture: il Festival della Letteratura è anche questo #video

2 Aprile 2016

Cosa c’è di meglio di una bella passeggiata in Villa Borromeo ammirando delle originali sculture? Il Festival della Letteratura di Arcore è anche questo. 

Allestito in onore del secondo Festival della Letteratura di Arcore, il Parco delle Sculture vanta sei opere di tre diversi artisti: Ambro Moioli, con Taurus e Solitudine, Pieralberto Filippi con Donna E Cigno e Musicisti e Carlo Guzzi, con due installazioni. Le opere possono essere apprezzate durante una passeggiata in Villa Borromeo, oppure in una delle visite gratuite e guidate al Parco Botanico e delle sculture con Tullia Giannoncelli. Tre i tour su prenotazione in programma: il 3 aprile alle ore 16, il 17 aprile alle ore 11 ed il 7 maggio alle ore 20.45.

Ad aprire il festival è stata proprio l’installazione “In Ascolto” di Carlo Guzzi, artista di Paina di Giussano (MB). “La mia opera, si può intuire dal titolo, mette al centro l’ascolto, ma anche il non ascoltare. Dalla sagoma rossa partono parole, messaggi ed intenzioni che poi si spostano verso l’osservatore, il pubblico”, ha spiegato Carlo Guzzi (#video). Durante l’inaugurazione, l’opera è stata farcita con una performance dal vivo tratta dal teatro dell’assurdo che ha reso l’installazione reale e visibile al pubblico in tutti i suoi aspetti. I materiali utilizzati per la realizzazione sono legno, ferro cotto e lettere rosse, disposti su una superficie di 600 x 400 x 230 centimetri.

 

Arrivato qualche giorno prima dell’inaugurazione, il Taurus di Ambro Moioli è la prima scultura visibile entrando in Villa Borromeo ed è impossibile non notarla. Alto e maestoso, il toro è un gigante in acciaio cromato a spessore bronzato della misura di 190 x 200 x 245 centrimetri. Formatosi alla brianzola Accademia d’Arti di Lissone dal 1993, l’artista Ambro Moioli ha esposto anche la sua scultura “Solitudine”, alta più di due metri in acciaio ossidato e dipinto.

 

Pieralberto Filippi ha esposto due delle sue sculture: Donna E Cigno e Musicisti. Alte entrambe due metri e mezzo, arrivano direttamente da una grande mostra a Piacenza in esclusiva per il Festival della Letteratura di Arcore. L’opera Musicisti ha un particolare valore per l’artista, che è anche uno stimato sassofonista, è rappresenta, allo stesso tempo, l’essenza del festival che tenta di coinvolgere tutte le arti.

Per tutti gli eventi del Festival della Letteratura di Arcore, potete leggere il nostro articolo (clicca qui).

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Francesca Zonca
Francesca Zonca. Se dovessi riassumere le mie passioni in due parole direi sicuramente lingue straniere e cinema. Studio lingue da quando sono piccola, amo viaggiare ma soprattutto amo riuscire ad entrare in contatto con diverse culture. La comunicazione e l'informazione sono al primo posto per me.


Articoli più letti di oggi