19 Settembre 2020 Segnala una notizia
Monza, arrivano i chioschi: il progetto è definitivo. Ecco come funzioneranno

Monza, arrivano i chioschi: il progetto è definitivo. Ecco come funzioneranno

1 Marzo 2016

Monza, i nuovi chioschi saranno pronti entro la prossima estate. A sancire il sì definitivo è una delibera di giunta di pochi giorni fa. La società S.A.U.M S.r.l., dell’ex assessore Vincenzo Ascrizzi,  è dunque pronta alla firma della concessione del Comune di Monza per la realizzazione del progetto “Le Rive del Lambro”.

Il bando, che era stato pubblicato sull’albo pretorio on line del comune, aveva come termine di scadenza il 17 luglio 2015. Bando al quale rispose solo il soggetto privato proponente. Il progetto ora è pronto a partire e molto presto a Monza arriveranno i 13 dehors distribuiti lungo l’asse che va dalla stazione ferroviaria, via Italia, piazza Cambiaghi, via Colombo, i giardinetti di via Azzone Visconti, via Pesa del Lino, via Vittorio Emanuele, piazza Garibaldi, piazza Carrobiolo, viale Petrarca e i Boschetti reali.

Il comune di Monza ha comunque fissato delle condizioni che alle quali la Srl dovrà attenersi: in primis, laddove le metrature lo consentiranno, dovrà prevedere bagni anche per disabili, accessibili dall’esterno nonché nursery ed ospitalità per le associazioni. Non si potrà essere esercitare l’attività di “compro oro”. Sì, invece, alla presenza di wifi free integrato con l’esistente.

Ma non solo: i chioschi/dehor dovranno offrire un punto informativo turistico con obbligo di distribuzione gratuita di materiale sulla città e gli eventi e i gestori dovranno partecipare ai corsi formativi su storia e caratteristiche di Monza.  In ogni chiosco dovrà essere presente un punto acqua per gli animali domestici e un punto corrente per la ricarica gratuita di biciclette, personal computer, tablet, cellulari. Coloro che avvieranno la propria attività avranno poi l’obbligo di aderire agli eventi proposti dall’Amministrazione e garantire la disponibilità ad accogliere iniziative dei cittadini (es.: scambio gratuito di libri) previa verifica comunale.

Intanto però a Monza prosegue la polemica intorno al progetto. Oltre alle associazioni contro il dehors si sono schierati il Movimento Cinque stelle, che ha annunciato una mozione in aula, alcune liste civiche come Primavera Monza e Una Monza per tutti, e numerosi commercianti preoccupati delle ricadute negative sugli affari. Se da una parte l’amministrazione attraverso questi chioschi conta di valorizzare il territorio, dall’altra i detrattori bollano le installazioni come delle vere e proprie brutture. Dopo la lettera di protesta e la richiesta di intervento della Soprintendenza di Milano, è partita infatti una raccolta di firme. Le associazioni culturali che dallo scorso autunno si stanno battendo contro il progetto “Chioschi in città” hanno intenzione di utilizzare tutti gli strumenti a loro disposizione per bloccare l’installazione dei dehors della discordia (leggi l’articolo). Carrobiolo e i Boschetti reali in modo particolare. “I dehors finiranno per essere causa di degrado e sporcizia – hanno commentato in corso gli esponenti delle associazioni -. Ne sono previsti addirittura due nei Boschetti, sui quali per altro è già stato previsto un piano generale di riqualificazione. Qualcosa chiaramente non torna. A cosa servono questi chioschi? Il progetto è molto fumoso e serve chiarezza”.

Tra gli accordi presi, l’amministrazione spiega che vi è anche l’obbligo di rispettare la percentuale massima del 30% della medesima tipologia di offerta e che ogni dehor dovrà essere integrato con la realtà commerciale contigua al luogo di collocazione e con le caratteristiche ambientali circostanti.
(Immagine generica di archivio)

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Articoli più letti di oggi

Monza capitale del buon vino: al via Monza Wine Experience

Fino a domenica protagonista in città la manifestazione che ha come protagonista il vino.

Incidente mortale in Valassina, arrestato il pirata della strada

L'autore del sinistro, invece che prestare soccorso, è scappato a piedi. Mentre era diretto verso la propria casa gli uomini della caserma di Muggiò lo hanno individuato e arrestato.   

Arcore: tre giorni di festa in Villa Borromeo d’Adda

Moltissime le attività e le iniziative in programma da sabato 19 a lunedì 21 settembre, il tutto in massima sicurezza e nel rispetto delle norme vigenti.

“Ciàpa sü e porta a cà”: il primo gioco in scatola sulla Brianza. L’idea di due giovani concorezzesi

L'uscita del gioco è prevista per fine ottobre.

Villa Reale chiusa, Cgil Monza e Brianza: “Le istituzioni tutelino i lavoratori”

Il sindacato scende in campo al fianco dei dipendenti di "Cultura Domani", la società che per conto del concessionario privato gestisce parte del monumento, a casa da mesi senza stipendio.