18 Aprile 2021 Segnala una notizia
Ospedale di Vimercate, la denuncia: quando il parcheggio è selvaggio

Ospedale di Vimercate, la denuncia: quando il parcheggio è selvaggio

8 Febbraio 2016

Davanti all’ingresso dell’Ospedale di Vimercate macchine parcheggiate in divieto di sosta ostruiscono il passaggio anche per i portatori di handicap.

Capita soprattutto nelle ore di punta del mattino, quando vengono fatti i prelievi e la sera durante le ore di visita: molti utenti della struttura per poca sensibilità e anche non rispetto delle regole mettono la macchina nel punto più vicino all’ingresso non pensando che potrebbero non dare la possibilità a un disabile di scendere dall’auto e entrare in ospedale senza problemi.

Il parcheggio del nosocomio cittadino è gestito non direttamente dall’azienda ospedaliera ma da Vimercate Salute, che ha in appalto diversi servizi della struttura. Un addetto, che tutti i giorni staziona all’interno del piccolo prefabbricato posto alle sbarre di ingresso dell’ospedale, ha anche il compito di avvisare gli automobilisti indisciplinati e chiedergli di spostare l’auto. Un duplice compito che, forse, per mancanza di tempo non riesce a portare fino in fondo per tutta la giornata e l’intera area di sosta.

“La viabilità all’interno del parcheggio dell’Ospedale di Vimercate si attiene ovviamente alle regole del codice della strada che prevedono il divieto di sosta nei pressi di una rotatoria e davanti ai passaggi pedonali/scivoli disabili – affermano in una nota ufficiale i vertici dell’ASST di Vimercate – Il personale dedicato, dipendente dal gestore del parcheggio e in servizio dalle 7.00 alle 19.00, ricorda tempestivamente il divieto a quegli automobilisti che non lo rispettano, nonostante questo, però, la mancanza di sensibilità di una parte dell’utenza sta purtroppo creando disagi agli altri. Si coglie quindi l’occasione per raccomandare all’utenza maggiore attenzione nel rispetto dei bisogni di tutti.”

Passando intorno all’una e trenta di pomeriggio abbiamo visto alcune auto parcheggiate ma in linea generale una situazione tranquilla: il vero problema si sviluppa quindi unicamente nelle ore di punta di mattina e tardo pomeriggio.

A denunciare questo problema anche una nostra lettrice che ci ha scritto per una segnalazione che definisce di “civiltà e denuncia“.

“Appena fu aperto l’ospedale c’era una persona che, davanti all’ingresso principale, controllava che le auto si fermassero per una sosta breve (per esempio per far scendere una persona con ridotta mobilità) – ci scrive la nostra lettrice – ma che non parcheggiassero davanti all’entrata. Da qualche mese non c’è più questa persona, con il risultato che il marciapiede che porta all’entrata è sempre pieno di automobili. Mi è capitato di accompagnare mia nonna con la sedia a rotelle e non ho trovato un buco per poter sostare e farla scendere. E’ una situazione pazzesca, soprattutto se si pensa che stiamo parlando di un ospedale.”

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Articoli più letti di oggi