Cultura

Monza, “Oltre” a teatro per pensare la follia al di là della normalità

Il secondo capitolo de "La Trilogia della Follia" del regista Luca Napodano debutta al Teatro Villoresi di Monza sabato 20 febbraio. E dalle 19.30 alle 20.30 l'aperitivo per gli spettatori è compreso nel biglietto!

libertamente-oltre

Libertamente porta in scena “Oltre. Storie di follia e libertà”, il secondo capitolo de “La Trilogia della Follia” di Luca Napodano, dopo “Follia: l’indefinito ai confini dell’animo”, che aveva debuttato a novembre 2015.

Il nuovo spettacolo verrà presentato sabato 20 febbraio alle ore 21.00 presso il Teatro Villoresi di Monza, nell’ambito della Rassegna delle Compagnie Teatrali Monzesi: sul palco si alterneranno le storie di 8 personaggi molto diversi tra loro, letterari (Amleto, Don Chisciotte) e reali (Edgar Allan Poe), antichi e contemporanei. Filo conduttore delle narrazioni è il viaggio oltre la normalità: si parte dalla considerazione, infatti, che tutte le più grandi scoperte e invenzioni siano nate uscendo dai binari del consueto modo di pensare.

«Ho voluto immaginare che ciascuna storia nascesse da uno stato comune di forzata normalità – spiega il regista Napodano -. Un gesto d’amore, tuttavia, offrirà a ciascun protagonista la possibilità di esprimere liberamente tutta la propria follia». Come è ormai tradizione per Libertamente, la musica riveste un ruolo fondamentale nello spettacolo, contribuendo a creare e sviluppare diverse atmosfere e stati d’animo. Questa volta, però, ad accompagnare la melodia delle note c’è il corpo, che, tramite la danza, si fa puro strumento di comunicazione ed espressione.

Informazioni: Teatro Villoresi, piazza Carrobiolo, 6 – Biglietto: 10 € – Dalle 19.30 alle 20.30: aperitivo incluso nel biglietto (flûte di prosecco e stuzzichini)

commenta