20 Aprile 2021 Segnala una notizia
Cesano, al via la campagna anti truffa presso i centri anziani

Cesano, al via la campagna anti truffa presso i centri anziani

9 Febbraio 2016

Se lo slogan del progetto è “non pensare che possa capitare solo agli altri, potrebbe capitare anche a te. Se sei informato su come comportarti, saprai sicuramente anche come difenderti”, questa nuova campagna intende formare ed aggiornare sui nuovi trucchi inventati la terza età, attraverso una serie di incontri che si tengono a partire da oggi nei cinque Centri Anziani del territorio.

“E’ una proposta non nuova che necessita di essere periodicamente ripresa – ha commentato l’assessore ai Servizi Sociali Emanuela Macelloni -, che come Amministrazione Comunale appoggiamo e condividiamo. Proprio per questo è particolarmente significativo che gli incontri si tengano in maniera capillare presso i Centri Anziani di tutto il territorio comunale, per amplificare al massimo la loro portata di forza deterrente nei confronti di imbrogli e raggiri.

Consigli e accorgimenti, accompagnati da buone pratiche, potranno fare la differenza tra l’essere e meno vittima di una truffa. Oltre all’invito a rivolgersi sempre al 112 in caso di sospetti, è buona cosa infatti conoscere quello che potrebbe essere l’approccio dei soggetti malintenzionati, nella stragrande maggioranza dei casi mascherati da insospettabili”.

Il calendario degli incontri
Martedì 9 febbraio, ore 15.30: Centro Anziani di piazza Mons Arrigoni, Cesano centro.
Martedì 15 febbraio, ore 15.30:Centro Anziani di via Diaz 1 a Cassina Savina.
Martedì  22 marzo, ore 15.30: Centro Anziani di via S. Lucia 2 a Cascina Gaeta .
Martedì 19 aprile, ore 15.30: Centro Anziani di via  Marconi 3 al Villaggio Snia.
Martedì 3 maggio, ore 15.30: Centro Anziani di Via Romagnosi 13 a Binzago.

Le conferenze, tenute da militari dell’Arma dei Carabinieri, insegnano a “riconoscere le strategie utilizzate dalla delinquenza per aggirare la buona fede delle persone, in particolare della parte più debole della popolazione, ossia i cittadini anziani. Per imparare a non essere facili vittime dei raggiri, il primo importantissimo passo è quello di parlarne, per confrontare le reciproche esperienze e far sì che ciascuno si senta ascoltato. Spesso, l’anziano truffato non vuole raccontare di esserne stato vittima per non sentirsi ripreso o commiserato dalla famiglia o dagli amici, e questo fa il gioco dei truffatori che possono ripetere il loro gioco con nuovi soggetti. Al contrario, è invece importante condividere l’accaduto, sia per liberarsi dal peso che far sì che altri possano essere messi in guardia”.

La presenza di un carabiniere agli incontri in veste di ‘istruttore’, aiuta l’anziano a comprendere come quanto gli è accaduto e di cui è stato vittima non è successo solo a lui. Inoltre, che il militare dell’Arma è al suo fianco nella lotta contro le truffe e deve quindi essere visto e interpretato come un amico, una figura di supporto

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Simona Sala
Simona Sala tra i fondatori nel 2008 di MB News, responsabile marketing e social manager. La mia passione sono i viaggi e la fotografia, passioni che vanno a braccetto. Ma quando per questioni di tempo non posso andare dove vorrei leggo, leggo, leggo meglio se diari di viaggio o storie di Paesi lontani. Mi piacciono la chiarezza, le persone genuine e la buona cucina.


Articoli più letti di oggi