22 Aprile 2021 Segnala una notizia
St taglia posti di lavoro in tutto il mondo: Agrate con il fiato sospeso

St taglia posti di lavoro in tutto il mondo: Agrate con il fiato sospeso

28 Gennaio 2016

Stmicroeletronics annuncia un taglio di 1400 posti di lavoro a livello globale nel 2016. In allerta sindacati e dipendenti di Agrate.

L’annuncio è arrivato poche ore fa da parte dei vertici dell’azienda come effetto per la chiusura della attività dedicata a prodotti per set-top box e home gateway. Fra i 1400 esuberi, ci sarà un ricollocamento all’interno dell’azienda per 600 lavoratori. Di questi 430 verranno tagliati in Francia, 670 in Asia e 120 negli Stati Uniti. Per arrivare a 1400 mancano ancora 180 unità, di cui ad oggi non si hanno notizie certe.

Il giudizio di Roberta Turi, segretario nazionale della Fiom, non si è fatto attendere ed è stato subito critico: “E’ del tutto negativo che il gruppo, a fronte di una continua discesa nella maggior parte dei parametri economici, fatta eccezione per i guadagni del board e degli azionisti, non pensi ad un vero piano di rilancio e di sviluppo, ma continui a perpetrare una politica di contrazione dei costi e riduzione del personale, non lasciando intravedere strategie per una vera inversione di rotta”.

Ma la preoccupazione tocca anche i sindacati della Brianza e i lavoratori della sede di Agrate Brianza che non vedono certo questa notizia come una buona prospettiva per il futuro: “Anche se l’Italia non è stata menzionata in questo annuncio, non possiamo certo dormire sonni tranquilli a causa del forte ridimensionamento che sta avvenendo – afferma Pietro Occhiuto della Fiom Cgil di Monza e Brianza – Da tempo chiediamo un incontro al governo per discutere con i vertici dell’azienda su investimenti e sul futuro dei centinaia di lavoratori presenti ad Agrate e nel resto d’Italia. Ad oggi non abbiamo avuto risposte. E poi dobbiamo pensare che per cercare di arginare il forte dimensionamento dell’attività produttiva in Francia si potrebbe anche intervenire portando parti di lavorazione dall’Italia al paese transalpino. Tutto questo è però ancora da capire.”

I ricavi dell’azienda a livello mondiale sono in continua discesa: rispetto all’anno solare 2015, Stm fa segnare ricavi netti per 6,9 miliardi di dollari, con un -6,8% rispetto ai 7,4 miliardi dell’esercizio 2014. A scendere anche l’utile con un netto pari a 104 milioni di dollari, contro i 128 milioni di dollari di un anno fa. A salire, come dichiarato più volte dai sindacalisti, sembrano essere solo i dividendi per i vertici e per gli azionisti.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Articoli più letti di oggi