22 Aprile 2021 Segnala una notizia
 "Migranti" nostrani: la Lombardia ancora una terra promessa

“Migranti” nostrani: la Lombardia ancora una terra promessa

14 Gennaio 2016

Monza, 13  gennaio 2016. Sono stati 1,3 milioni gli italiani con la valigia nel 2014, che hanno trasferito la propria residenza all’interno dei confini nazionali, dato in calo rispetto al 2013, dove si contavano circa  10mila movimenti in più (-3,6%). Si tratta di un fenomeno che riguarda principalmente la popolazione di nazionalità italiana (81,8%), di cui l’età media è di 34,8 anni per gli uomini e 36 per le donne, e il 75% dei trasferimenti avviene in età lavorativa (18-64 anni). Tra chi “migra” nella Penisola, gli spostamenti sono principalmente a breve e medio raggio: il 60,3% si muove nella stessa provincia, il 15,3% in un’altra provincia della stessa regione. Mentre gli spostamenti interregionali rappresentano il 24,3% della migrazione interna in Italia diretta principalmente verso la “macroregione” Lombardia – Piemonte – Emilia Romagna, ben collegata dall’arteria dell’alta velocità.

Trasferimenti tra regioni  Guardando al numero dei trasferimenti di residenza tra comuni italiani per regione, la Lombardia resta il “Sogno americano” dei migranti di mezza Italia: scelta come prima regione di destinazione per chi “parte” da Basilicata, Calabria, Emilia Romagna, Lazio, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Veneto. Al secondo posto il Lazio e poi Piemonte ed Emilia Romagna. Le regioni in cui il saldo migratorio, vale a dire la differenza tra iscrizioni e cancellazioni per cambi di residenza in Italia, è più alto sono Trentino Alto Adige (2,5 trasferimenti ogni mille abitanti) Emilia-Romagna (1,7), e Lombardia (1,3). Si parte di più da Basilicata (-2,9), Calabria (-2,8) e Campania (-2,6).

Trasferimenti tra province Considerando il saldo migratorio, vale a dire la differenza in valori assoluti tra iscrizioni e cancellazioni dovute a trasferimenti di residenza tra diversi Comuni, in rapporto alla popolazione residente sono Bologna, Como e Trieste  le province più attrattive per gli italiani che cambiano vita: a Bologna si registrano 3,7 trasferimenti ogni mille abitanti, a Como a 2,9 e a Trieste 2,7, mentre i valori a Milano e Roma scendono rispettivamente a 2,1 e 1,9 spostamenti di residenza ogni mille abitanti. Meno attrattive le province del Sud: si registrano perdite soprattutto nelle province di Vibo Valentia (-4,2 trasferimenti ogni mille abitanti), Caltanissetta (-3,9), Enna (-3,8) e Reggio Calabria (-3,8).

Milano e Roma  Guardando al valore assoluto del saldo migratorio interno per provincia, Roma e Milano sono in testa alla classifica rispettivamente con 8.055 e 6.755 trasferimenti di residenza da fuori provincia. Verso il capoluogo lombardo arrivano anche da fuori regione, circa 1 su 10 di chi si trasferisce da Barletta va a Milano, percentuale elevate anche da Novara (l’8,3% sul totale dei trasferimenti dei novaresi),Caltanissetta (7,2%), Reggio di Calabria (6,8%) e Crotone (6,7%). Da chi arriva fuori dal Lazio, Roma è preferita da L’Aquila (il 17,8% degli aquilani che si spostano in Italia è diretto verso la capitale), Isernia (11,4%), Terni (10,8%), Potenza, (8,4%) e Matera (8,1%).

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi