20 Febbraio 2020 Segnala una notizia
Falò di Sant'Antonio: tradizione o inquinamento?

Falò di Sant’Antonio: tradizione o inquinamento?

16 Gennaio 2016

A Meda non si farà. A Seveso, invece, saranno due. Ma si festeggerà anche a Cesano Maderno, Desio, Limbiate, LissoneVimercate… Stiamo parlando del falò di Sant’Antonio. E cosa c’è di più suggestivo di un fuoco che brucia nella notte? Il freddo dell’inverno, il caldo delle fiamme, quell’odore così particolare della legna che brucia: il falò di Sant’Antonio è non solo una tradizione, ma anche un’occasione di ritrovo, forse una delle poche rimaste quasi intatte, per atmosfera e fascino, fino ad oggi. I nostri padri e i nostri nonni celebravano con un falò il 17 gennaio la fine dell’inverno: per scacciare il freddo e confidare nella primavera. E perché non dovremmo farlo anche noi?

Perché è dannoso per la qualità dell’aria e per la nostra salute. Una risposta certo meno suggestiva dello spettacolo di un fuoco notturno, ma onesta. I dati di Arpa confermano che la combustione della legna, soprattutto se mal effettuata in piccoli impianti, causa la dispersione nell’atmosfera di particolato e composti tossici, tra cui il benzo(a)pirene, una sostanza cancerogena. La situazione peggiora nel caso di un falò: perché manca un sistema che controlli le condizioni di temperatura e riscaldamento, e perché l’assenza di una struttura che porti i fumi in alto li fa disperdere a livello del terreno. Bisogna poi tenere conto di quello che viene bruciato: il legno trattato è nocivo, e spesso finiscono nella catasta scarti di lavorazioni con resine e collanti, o truciolare con laminato (oltre a tutto ciò che non è legno ma viene ugualmente bruciato, dalla gomma alla plastica). Per questo la combustione all’aperto è vietata su tutto il territorio nazionale, anche se la delibera regionale del 22 dicembre 2011 consente ai sindaci di autorizzare i falò in particolari occasioni, come appunto feste tradizionali e sagre.

Nella catasta di legna preparata all'oratorio Paolo VI di Seveso, anche mobili e una porta

Nella catasta di legna preparata all’oratorio Paolo VI di Seveso, anche mobili e una porta, con tanto di pomello.

Ma vale la pena sacrificare la qualità dell’aria per una festa? Secondo il geologo Gianni Del Pero, residente a Meda, città che recentemente è salita agli onori delle cronache per i suoi altissimi valori di pm10, no: «Per non sporcare ulteriormente la nostra aria – commenta -, ma anche perché una legge regionale lo impedirebbe». Lo stesso Del Pero ha avviato un dibattito su Facebook per sensibilizzare la popolazione: pochi si sono persuasi, la maggioranza, invece, non riesce a convincersi che un fuoco all’aperto possa fare tanti danni. Gli ha dato invece ragione il sindaco Giovanni Giuseppe Caimi, che quest’anno, dati i «recenti superamenti dei limiti degli inquinanti», non ha concesso la deroga per il tradizionale falò di via Santa Maria a Meda, venendo incontro alla richiesta di Sinistra e Ambiente.

Per una volta, dunque, hanno vinto gli ambientalisti. O forse no: il caso di Meda è isolato. Si vincerà davvero tutti, non solo una fazione, quando si riuscirà a conciliare la passione per la tradizione con le conoscenze di oggi: per mantenere vive le feste del territorio senza sacrificare la salute.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Commenti

  1. L’ idiozia delle norme contro l’ inquinamento ( ..che non esiste ) sta facendo nuove vittime.

    Dopo averci venduto le ecologiche stufe a pellet ora ci dicono che inquinano.

    Queste persone sono malate , ma nella testa…

    La ” Sinstra & Ambiente ” gioisce ?

    Poveracci : hanno tentato per decenni di contrastare la Religione per imporci la loro ed ora pensano di aver vinto….

    Sono solo dei pezzenti ideologici , ridotti a sopravvivere dei cascami delle ideologie altrui….quelle pseudo-ecologiche.

    Purtoppo non tutti hanno la fortuna di morire giovani.

Articoli più letti di oggi

Monza, Morgan mette all’asta il foglio con il testo (modificato) della canzone di Sanremo

Come promesso in diretta a Live #noneladurso, l'artista ha messo all'asta il foglio del testo modificato a Sanremo.

Coop apre a Monza in via Marsala e assume

Al via la campagna di assunzioni per la nuova Coop a Monza. In vista dell’apertura del nuovo supermercato di via Marsala.

Nova Milanese: aggredito dal suo cane, lo uccide per salvarsi

L'uomo che ieri è stato aggredito a Nova Milanese dal suo cane, ha riportato gravi ferite al pene e ai testicoli. Purtroppo il 40enne per difendersi ha ucciso il suo cane a colpi di coltellino (che aveva con sé).

Monza, nasce Modoetia: il poliambulatorio di nuova concezione

Modoetia, il poliambulatorio di nuova concezione nato a Monza per offrire al paziente un percorso multidisciplinare ad hoc. Ne abbiamo parlato con i due fondatori e il direttore sanitario.

La Monza più bella è su Rai 1: la nostra città in onda a “Linea Verde Life”

Il prossimo sabato 22 febbraio la città di Monza sarà su Rai 1, alla trasmissione "Linea Verde Life". Al centro della puntata il complesso della Villa Reale e del Parco di Monza, ma anche i temi della sostenibilità ambientale. Tutti i dettagli.