21 Aprile 2021 Segnala una notizia
Lite al bar, sparatoria: muore ventisettenne albanese

Lite al bar, sparatoria: muore ventisettenne albanese

15 Dicembre 2015

Hanno litigato al bar, forse erano ubriachi. Poi uno dei presenti ha estratto un revolver e ha fatto fuoco uccidendo Mrishaj Endri, ventisettenne albanese pregiudicato e ferendo un suo connazionale di trenta, dipendente del locale.

Sarebbe questa la dinamica dell’omicidio di questa notte a Pioltello (Milano), secondo quanto appurato dagli inquirenti fino ad ora. Nel locale, secondo alcune testimonianze e i primi rilievi dei carabinieri del Nucleo investigativo di Monza e del Comando Provinciale di Milano che indagano sul caso, verso le 23.30 di ieri il ventisettenne era seduto al tavolo del bar insieme al barista, con cui stava giocando a carte.

Poco dopo un gruppetto di tre, quattro persone sarebbe entrato e avrebbe iniziato a litigare ferocemente, forse in preda all’alcol. Uno dei partecipanti alla lite avrebbe infine esploso almeno sei colpi di pistola all’impazzata, colpendo i due giovani seduti al tavolino, ferendoli gravemente. Mrishaj è morto poco dopo in ospedale per gravi emorragie, mentre il suo amico resta ricoverato al Fatebenefratelli di Milano, fuori pericolo di vita.

Nel locale, oltre a chi ha sparato è che insieme agli altri è fuggito a piedi, c’erano almeno altre quattro persone. Tutte le loro testimonianze sono al vaglio degli investigatori, per i quali sarà fondamentale la testimonianza del trentenne ferito.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi